I crimini sugli animali: per l’FBI diventano reati alla stregua di omicidio e incendio doloso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Torturare e uccidere gli animali sara' un crimine punito pesantemente dalla legge negli Stati Uniti. Per anni, infatti, l'FBI ha archiviato l'abuso degli animali sotto l'etichetta di "altro", insieme a una serie di reati minori, che fino a oggi hanno reso difficile anche tenere traccia di questi crimini. Adesso, però, la crudeltà sugli animali sarà un crimine con la propria categoria, proprio come omicidio, incendio doloso o aggressione

Ecco il carrello smart per la spesa

Torturare e uccidere gli animali sara’ un crimine punito pesantemente dalla legge negli Stati Uniti. Per anni, infatti, l’FBI ha archiviato l’abuso degli animali sotto l’etichetta di “altro”, insieme a una serie di reati minori, che fino a oggi hanno reso difficile anche tenere traccia di questi crimini. Adesso, però, la crudeltà sugli animali sarà un crimine con la propria categoria, proprio come omicidio, incendio doloso o aggressione.

Le forze dell’ordine dovranno segnalare incidenti e arresti in quattro aree: negligenza semplice o grave; abuso intenzionale e torture; abuso organizzato, tra cui lotte tra cani e combattimenti di galli; abuso sessuale sugli animali.

Questo aiuterà anche a individuare e fermare futuri serial killer, aiutandoli prima che diventino tali. I giovani che torturano e uccidono gli animali, infatti, diventano sono inclini alla violenza contro le persone. Lo dicono gli studi e la storia. Jeffrey Dahmer, il cannibale di Milwaukee, aveva impalato teste di cani, rane e gatti su bastoni; David Berkowitz, conosciuto con i soprannomi ‘Son of Sam’ o ‘.44 Caliber Killer’, avvelenò il pappagallino di sua madre; Albert DeSalvo, lo “strangolatore di Boston”, intrappolava cani e gatti in casse di legno e li uccideva sparando frecce.

Certo, ci vorrà tempo e denaro per aggiornare i database dell’FBI, applicare la legge a livello nazionale, rivedere i manuali e inviare le nuove linee guida. I dati su questi crimini saranno raccolti in maniera sistematica solo dal gennaio 2016. Poi ci vorranno ancora molti mesi prima che i numeri possano essere analizzati. Ma le nuove statistiche sulla crudeltà sugli animali, tra qualche anno, permetteranno di lavorare sui bambini e sui ragazzi che mostrano i primi segni di difficoltà e disagio, fermandoli.

ap

E in Italia? Ogni ora nel nostro Bel Paese la Procura apre un nuovo fascicolo per reati contro gli animali. Dal traffico di cuccioli alle corse clandestine di cavalli, prendersela con gli animali è una criminale abitudine che non accenna diminuire. L’impressione è che l’azione penale venga esercitata solo in pochissimi casi e che in assenza di formale denuncia, peraltro non richiesta per i reati in esame, essendo reati comuni perseguibili di ufficio, non ci sia un intervento della polizia giudiziaria e quindi l’apertura di un formale procedimento da parte della Procura.

Roberta Ragni

Fonte e Photo Credit

LEGGI anche:

Zoomafie 2014: ogni ora un reato contro gli animali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook