Ubaldo non ce l’ha fatta: addio al cigno investito da un’auto pirata

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Era stato investito qualche giorno fa a Gaggiano, nei pressi di Milano. Il cigno Ubaldo era diventato il simbolo della cittadina dell’hinterland milanese. Era stato curato, sembrava essere in ripresa ma purtroppo non ce l’ha fatta.

A darne notizia è stata la ProLoco di Gaggiano che si era mobilitata fin da subito per aiutarlo. Ubaldo stava passeggiando con la sua famigliola sul ponte carrabile della città quando è stato investito da un’auto pirata sul Naviglio Grande. L’animale è stato trovato agonizzante sull’asfalto da alcuni passanti che lo hanno portato al Centro recupero animali selvatici Wwf di Vanzago. Per pagare le cure era partita anche una raccolta fondi.

L’animale aveva riportato un trauma cranico e danni a un occhio a causa del violento impatto. A fine ottobre Ubaldo aveva finalmente ripreso a nutrirsi da solo e le speranze di riportarlo dalla sua famiglia sembravano tante.

Anche il programma “Dalla parte degli animali” di Canale5 gli aveva dedicato un servizio:

Purtroppo però Ubaldo non ce l’ha fatta: “Apparentemente asintomatico nei giorni precedenti da venerdì sera mostrava un’insolita letargia e sabato mattina è stato trovato privo di vita.”

RIP in pace, speriamo che l’autore di questo terribile gesto possa essere rintracciato.

Fonti di riferimento: ProLoco Gaggiano/Facebook,

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook