Morto il cucciolo di cigno preso a calci da un runner perché ‘intralciava il suo percorso’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un cucciolo di cigno è morto dopo che era stato preso a calci da un runner. La sua colpa? Aver intralciato il suo percorso

Preso a calci perché intralciava il suo percorso mentre faceva jogging al parco. Una storia che ha del surreale quella che arriva da Londra e ha come protagonista un cucciolo di cigno che, dopo aver lottato due giorni, purtroppo è morto per via delle ferite riportate.

Adesso è caccia all’uomo che ha procurato la morte di questo baby cigno. Descritto come un uomo con capelli grigi e sulla sessantina correva a Richmond Park, a sud-ovest di Londra lunedì scorso. Nel suo percorso, sfortunatamente si sono trovati due cigni che sono stati entrati maltrattati e presi a calci. Uno è riuscito a scappare e tornare in acqua, l’altro è rimasto inerme a terra. Il povero cucciolo è stato subito soccorso dallo Swan Sanctuary, ed è rimasto in terapia intensiva per due giorni. Alla fine però non ce l’ha fatta.

Nei parchi londinesi, gli animali vivono liberi, in fondo quella è casa loro. Gli ospiti sono proprio i visitatori che lì fanno sport e picnic e prendono il sole. Il buonsenso vorrebbe che ci fosse rispetto per gli animali che non solo non vanno maltrattati, ma non dovrebbero neanche essere avvicinati o disturbati. Chi è stato capace di un atto simile? Prendere a calci un cucciolo? Possibile che nessuno abbia visto nulla? Dalla violenza con cui è stato colpito, il cigno aveva riportato danni cerebrali. Il santuario sui social aveva aggiornato la situazione costantemente, fino a dare poi la tragica notizia.

“Stiamo facendo tutto il possibile, ma non sembrano esserci speranze. Grazie al cielo c’erano alcune persone gentili che lo hanno raccolto e hanno riferito l’incidente ai ranger del parco”.

https://www.facebook.com/TheSwanSanctuaryuk/photos/a.477549618987644/3014522941956953/?type=3&theater

 

Secondo le autorità si tratta del quinto atto di violenza in appena dieci giorni nei confronti degli animali, per questo la polizia lancia un appello: chiunque abbia assistito all’incidente o abbia informazioni sull’indagato è invitato a chiamare il numero 07920 586546 e citare il numero di riferimento 0705738/20.

Fonte: The Swan Sanctuary/Royal Parks Police

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook