Questa famiglia ha conservato il defunto Golden Retriever, trasformando il cane in un tappeto (ed è tutto vero)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una famiglia si è rivolta a una società di tassidermia per conservare il proprio Golden Retriever in un modo a dir poco raccapricciante. Questa, come tante altre richieste sui social, dimostra come la domanda in questo settore sia elevata. Il video, postato sui social, ha ricevuto commenti molto altalenanti

Una scelta davvero molto discutibile quella di una famiglia australiana che, dopo aver perso il suo Golden Retriever, si è rivolta a una esperta di tassidermia per ricavarne un tappeto dal corpo dell’animale. Un modo a dir poco assurdo di “conservare” il proprio cane, che ci lascia agghiacciati.

Il profilo Chimerataxidermy ha condiviso sulla sua pagina Instagram il video del servizio commissionato e ultimato. Fa a dir poco impressione pensare che quello una volta era un cane di proprietà ritornerà nella casa in cui ha trascorso la sua vita da morto, sotto forma di tappeto.

In molti si sono complimentati non solo per il lavoro svolto, ma per l’idea in sé. Alcuni l’hanno definita “bellissima”, “di una tenerezza infinita”, parole che compaiono tra i commenti. Più utenti, decisamente interessati, hanno domandato il prezzo di una simile commissione, indicando già peso e caratteristiche del loro cane e “preparandosi in anticipo al peggio”, ancora testuali parole.

Altri non hanno affatto gradito quanto mostrato, trovando l’intera cosa macabra. La tassidermia sembra però essere diventata molto popolare negli ultimi anni. Lo confermano le richieste dei proprietari di animali e i post che compaiono sul profilo indicato, come su altri. Oltre ad animali imbalsamati vi sono anche crani dipinti e decorati.

Impegno e professione a parte noi crediamo fermamente che vi siano modi più rispettosi e consoni per tenere vivo il ricordo di un animale tanto amato piuttosto che avere il suo mantello, la sua pelle, le sue zampe o parte del suo corpo senza vita in giro per casa. Faremmo lo stesso con i nostri cari? Difficile dire di sì.

Fonte: chimerataxidermy/Instagram

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook