Questo Jack Russel rischiava di annegare, ma è stato salvato in un modo davvero geniale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per salvare un Jack Russell finito in una palude i soccorritori hanno messo in atto un piano decisamente originale, che ha funzionato

Dopo essersi allontanata dalla sua proprietaria durante una passeggiata, Minnie – una cagnolina di tre anni – si è ritrovata impantanata in una palude, dove è rimasta per un paio di giorni, rischiando seriamente di annegare. Un incubo terribile che per fortuna si è concluso con un lieto fine, grazie ad un salvataggio decisamente epico.

Minnie, cane di razza Jack Russell, era fuggita lo scorso 13 gennaio mentre si trovava con la sua mamma umana Emma, che accidentalmente le aveva tolto il guinzaglio per strada. La cagnolina si è poi addentrata in un canneto e dopo un paio di ore è stata avvistata nelle distese fangose di Langstone. Per ben due giorni, la squadra di soccorso del Denmead Drone Search & Rescue ha tentato di salvarla, ma l’area era troppo difficile da raggiungere a causa del terreno paludoso. Neanche con l’uso dei kayak i volontari sono riusciti a recuperarla, anche perché Minnie tendeva ad allontanarsi.

Il timore della proprietaria e del team era che la povera cagnolina finisse per morire annegata, con l’arrivo dell’alta marea

Allora i soccorritori hanno pensato di mettere in atto un piano geniale: usare un drone e attaccare una salsiccia a un filo per attirare l’animale e spingerlo in una zona più sicura.

Abbiamo attaccato una salsiccia di circa 50 grammi al drone. – spiega il team di soccorritori – Abbiamo fatto una valutazione del rischio nell’area e poi abbiamo fatto volare il drone verso di lei. Non pensavamo che avrebbe funzionato, ma è stato così. Siamo riusciti ad attirare Millie a 300 metri in una zona di sicurezza. Fortunatamente è rimasta in quella zona, quindi le abbiamo impedito di annegare.

Ma dopo aver divorato la salsiccia, in preda alla fame, Minnie si è spostata in una zona più trafficata, nei pressi della A27 e successivamente in un’area industriale, dove è finalmente è andata incontro ai suoi proprietari, scodinzolando felice. La cagnolina è stata poi caricata in macchina e portata dal veterinario per gli accertamenti del caso. Per fortuna, la piccola stava bene. Aveva bisogno soltanto di riposo, cibo e tepore, oltre che di coccole.

È stato assolutamente fantastico riaverla a casa – ha commentato la sua proprietaria. – Quello che fanno i volontari è assolutamente fantastico. Non potrò mai ringraziarli abbastanza.
Bentornata a casa, piccola Millie!

Fonte: Denmead Drone Search & Rescue 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook