Bracconiere ucciso dagli elefanti nel parco nazionale sudafricano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Stava fuggendo dai ranger del parco quando si è imbattuto in un branco di elefanti. È la sorte che è capitata a un bracconiere in Africa.

Sta per finire investito, la mamma lo salva

Stava fuggendo dai ranger del parco quando si sarebbe imbattuto in un branco di elefanti ed è morto. È la sorte che è capitata a un bracconiere, nel Sudafrica. Altre tre persone hanno tentato di scappare dopo essere state avvistate dai ranger

Siamo nel Kruger National Park (KNP), una delle più grandi riserve di caccia d’Africa, e sabato i parchi nazionali sudafricani (SANParks) hanno segnalato la morte di un sospetto bracconiere e l’arresto di un complice. Tutti stavano fuggendo dai rangers quando si sono trovati di fronte a un branco di elefanti che evidentemente non hanno dato scampo.

I rangers erano in pattuglia di routine nell’area di Phabeni quando hanno capito che qualcosa non andava. E così è stato: tre bracconieri sono stati individuati dai Rangers e hanno tentato di scappare. Uno dei sospettati è stato arrestato e ha informato i ranger che il gruppo si era imbattuto in un branco di elefanti.

I Rangers hanno scoperto il suo complice gravemente calpestato e purtroppo ha ceduto alle sue ferite. Si dice che il terzo sospettato sia stato ferito a un occhio ma abbia continuato a fuggire. Un fucile è stato recuperato e il caso è stato deferito alla polizia.

È un peccato che una vita sia stata persa. Solo attraverso la disciplina, il lavoro di squadra e la tenacia saremo in grado di aiutare ad arginare la marea del bracconaggio nei nostri Parchi”, dice l’amministratore delegato del KNP, Gareth Coleman.

La ricerca del terzo sospetto è in corso. Coleman ha invitato i membri della comunità che vivono vicino al KNP a dare informazioni.

La campagna contro il bracconaggio è responsabilità di tutti noi – conclude. Minaccia molti mezzi di sussistenza, distrugge famiglie e prende le risorse necessarie per combattere la criminalità che potrebbero essere utilizzate per creare posti di lavoro e sviluppo”.

Fonte: South African National Parks – Kruger National Park

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook