Allevamenti galleggianti di mucche: l’ultima aberrazione di cui non avevamo bisogno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nel porto di Rotterdam, fra imbarcazioni, container e gru, si assiste ad una scena surreale: una mandria di mucche su quella che rappresenta la prima fattoria galleggiante del mondo. Ma la sostenibilità, di cui tanto si vantano gli ideatori del progetto, resta un'utopia...

Allevare animali in una fattoria galleggiante? Purtroppo non è un’idea fantascientifica, ma è già realtà in Olanda. Qui qualche anno fa una coppia di imprenditori ha deciso di avviare un business dedicandosi allevamento delle mucche su una speciale piattaforma a più piani. Questa si trova sulle rive del fiume Maas, che bagna Rotterdam, e può contenere fino a una quarantina di bovini.

Sulla struttura le mucche vengono allevate per il latte che viene utilizzato anche per prodotti come yogurt, formaggi e il burro, venduti in un negozio che si trova sulla terra ferma. In uno dei piani si raccoglie il letame da impiegare come fertilizzante. Inoltre, nella struttura vi è anche un orto verticale in cui sono coltivate erbe aromatiche.

floating farm

@Floating Farm

I coniugi Peter e Minke van Wingerden definiscono il loro progetto, che prende il nome di Floating Farm, il “futuro dell’allevamento” e sostengono che si tratti di un sistema all’insegna della sostenibilità, un tentativo di adattamento alle conseguenze della crisi climatica.

L’idea risale al 2012, quando l’uragano Sandy ha colpito New York, dove Peter lavorava come ingegnere.

L’intera città stava finendo il cibo fresco in pochi giorni. – racconta l’imprenditore – Facendo affidamento su migliaia di camion di cibo ogni giorno, la catena di approvvigionamento alimentare è stata interrotta quando si sono verificate le inondazioni e i camion non potevano più entrare in città.

In quel momento, abbiamo iniziato a osservare come la resilienza delle grandi città sia sempre più minacciata dalle lunghe filiere alimentari e dal fatto che la produzione avvenga a una certa distanza ai consumatori. Ci siamo anche resi conto che se vogliamo raggiungere la resilienza e la sostenibilità a lungo termine di tutte le città, grandi e piccole, dobbiamo esplorare ulteriormente la localizzazione.

Così, Peter van Wingerden ha pensato di dar vita ad una fattoria galleggiante a Rotterdam – città che per oltre l’80% si trova sotto il livello del mare – proprio sul fiume in modo da ridurre la distanza fra produttori e consumatori.

Ma è davvero un’idea così vincente? In realtà no, o almeno non come potrebbe sembrare. Innanzitutto perché gli incidenti che vedono protagoniste le mucche, che finiscono nelle acque del fiume, sono abbastanza frequenti.

A scagliarsi contro questa idea che viene definita assurda il Partito olandese per gli Animali (PvdD) insieme all’associazione Animal Save Netherlands, i quali sottolineano che il benessere animale non viene rispettato.

Il progetto invia il segnale sbagliato nei tempi che viviamo – spiega Jaap Rozema del partito PvdD, sottolineando che si tratta comunque di un allevamento che contribuisce all’aumento delle emissioni inquinanti. –  Anche il letame viene sparso, il che non fa bene alla biodiversità. Ma la sofferenza animale è la peggiore di tutte. Le mucche non appartengono all’acqua, questo è innaturale. Durante la tempesta Eunice, sono circolate immagini dell’acqua agitata sotto la fattoria. In tali circostanze è semplicemente pericoloso. Una mucca è già caduta in acqua due volte.

Insomma di etico e sostenibile c’è davvero ben poco. Ma i due coniugi sono intenzionati a portare avanti il loro progetto e hanno già annunciato di essersi messi a lavoro per realizzare una seconda fattoria per produrre uova e verdure.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: Floating Farms/PvdD

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook