Allarme aviaria in Italia: mattanza di milioni di polli e tacchini, chiusi oltre 200 allevamenti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I casi di aviaria si estendono a macchia d'olio in Italia. Sono circa 9 milioni gli animali abbattuti e oltre 200 gli allevamenti chiusi

In Italia l’influenza aviaria galoppa senza sosta. Siamo di fronte a una delle più grandi epidemie mai viste nel nostro Paese. E a farne le spese sono già stati 9 milioni di animali – tacchini, polli e galline – abbattuti per contenere la diffusione del virus. Finora sono circa 240 gli allevamenti chiusi tra Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia e Lazio, come confermato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie. 

Il primo focolaio di influenza aviaria H5 ad alta patogenività è stato individuato lo scorso 19 ottobre in un allevamento di tacchini a Ronco all’Adige, in provincia di Verona e nelle settimane successive la situazione è diventata fuori controllo. Tra la province più colpite spiccano Verona e Padova, ma non sono mancati i focolai a Brescia, Mantova e a Udine. Anche il Centro Italia è stato colpito dall’epidemia: agli inizi di novembre è stato registrato un focolaio di sottotipo H5 HPAI (ceppo grave) in un allevamento avicolo di Ostia Antica. 

aviaria mappa

@Istituto Zooprofilattico delle Venezie

Tutta questa situazione, però, per diversi esperti e associazioni animaliste rappresenta un dramma già annunciato. Qualche settimana fa gli attivisti della LAV (Lega Anti Vivisezione) hanno condotto un’indagine sotto scopertura per svelare cosa accade in due allevamenti di galline di Brescia e Mantova dove sono scoppiati focolai di aviaria. Ciò che hanno documentato è raccapricciante: carcasse di galline a contatto con animali vivi, con uova e mangimi, gabbie arrugginite e affollatissime e infestazioni di acari. 

Un altro grande problema che desta preoccupazione deriva dalla caccia. Infatti, mentre dilaga l’aviaria in Italia, i cacciatori di avifauna possono continuare ad uccidere animali senza alcuna restrizione, visto che non rientrano cosiddetta “popolazione esposta al rischio”, sottoposta a sorveglianza sanitaria, nonostante entrino spesso in contatto proprio con quegli animali selvatici che rappresentano i principali vettori del virus e con le zone da questi frequentate. Soltanto nel caso in cui l’animale ucciso durante una battuta di caccia non è “apparentemente in buona salute” (secondo la valutazione dello stesso cacciatore) scattano le misure di sorveglianza previste dai protocolli.

Di fronte a queste gravi situazioni e alla mancanza di precauzioni, non stupisce quindi lo scoppio dell’epidemia di aviaria in Italia…

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie

Sull‘aviaria potrebbero interessarti anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook