Sisma nell’Egeo: una mamma con i suoi tre figli viene estratta viva a Smirne dopo 18 ore sotto le macerie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo 18 ore sotto alle macerie sono stati tratti in salvo una mamma e i suoi tre figli. Un faro nel buio del sisma nell'Egeo

Lite tra elefanti

Un faro nel buio: dopo 18 ore sotto le macerie sono stati tratti in salvo una mamma e i suoi tre figli. Il terremoto nell’Egeo ha fatto una strage ma qualche luce di speranza si accende. Il quarto figlio potrebbe essere salvato presto.

Il terremoto di venerdì ha raso al suolo almeno 20 edifici nella città portuale egea di Izmir, dove sono avvenuti i soccorsi. E il bilancio delle vittime continua a salire, ma anche quello delle vite umane strappate alla morte: il ministro dell’Ambiente turco Murat Kurum ha detto che finora sono state liberate circa 100 persone.

Secondo quanto riportato da Afad, la Protezione Civile turca, la distanza dal distretto di Seferihisar di Smirne del terremoto, avvenuto nel mare Egeo, è di 17,26 km, e, dopo la violenta scossa di magnitudo 7, ce ne sono state altre 590 di assestamento, di cui 39 con magnitudo pari a 4. Attualmente si registrano 28 vittime, 1 delle quali per annegamento, e 885 feriti.

Ma anche salvataggi, per ora 100 secondo quanto riferito dalle autorità turche. E la notizia di oggi accende la speranza che altre persone potranno presto essere riportate alla luce ancora in vita.

Una luce in fondo al tunnel.

Fonti di riferimento: Murat Kurum/Twitter / Al Arabiya / Afad / Anadolu Agency/Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook