Sai dove buttare i piatti di ceramica rotti? Non commettere questo errore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dove gettare i piatti rotti di ceramica è una domanda che può mandare in crisi anche la persona più attenta a differenziare i rifiuti. Per questo ti spieghiamo dove conferire correttamente i cocci dei piatti ahinoi rotti

Libera Terra

A chi non è mai scivolato un piatto dalle mani, finito poi in frantumi sul pavimento di tutta la cucina? A chiunque può capitare infatti di rompere un piatto di ceramica o più di uno, che sia accidentalmente o meno. Ma quando un piatto è ormai andato certamente non è il caso di aggiustarlo, ma dov’è che dobbiamo conferirlo?

Premettendo sempre che ogni Comune ha le sue disposizioni in merito alla raccolta differenziata, non bisogna commettere l’errore di confondere la ceramica con il vetro.

Questa appartiene infatti a quelli che vengono chiamati “falsi amici del vetro”. Lo stesso vale per le lampadine, i materiali in vetroceramica e non per ultimo gli oggetti in porcellana. Tutti questi falsi amici del vetro, come avrai intuito, non vanno mai buttati nel vetro.

Ma quindi se i cocci non appartengono al vetro, qual è la loro destinazione finale? È bene specificare che i piatti rotti sono materiali non riciclabili e vanno gettati per tale motivo nell’indifferenziato.

Se si tratta dei cocci di un solo piatto, puoi conferirli nel bidone dell’indifferenziato senza troppi pensieri. Assicurati di non farti male quando raccogli cocci e schegge. Se invece hai rotto tutto il servizio, allora è il caso di recarsi in un eco-centro.

Se hai dubbi, consulta sempre la ditta responsabile della raccolta rifiuti nella tua zona.

Il 6% dei rottami in vetro oggi raccolti in tutta Italia è destinato allo scarto. A causa di oltre due milioni e mezzo di tonnellate di materiali estranei al vetro e incompatibili con il processo di riciclo – poiché contengono piombo, non ammesso nel vetro (salvo quantità residuali) – come appunto ceramica e cristalli.

Non conferire insieme alle bottiglie e ai vasetti gli inquinanti più frequenti e dannosi, i cosiddetti “falsi amici” del vetro, cioè: piatti, tazzine o altri oggetti di ceramica, bicchieri o altri oggetti di cristallo, contenitori in pyrex; tutti rifiuti che vanno messi nei contenitori della raccolta indifferenziata.

Fonte: Coreve, Assoevetro

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook