Dove butti gli scontrini della spesa? Con questo semplice test non puoi più sbagliare, come fanno in tantissimi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lo scontrino sembra fatto di carta, eppure va smaltito nell'indifferenziato. Cerchiamo di fare chiarezza sull'argomento per evitare errori e rispettare davvero l'ambiente

Libera Terra

La raccolta differenziata è una sana abitudine di sostenibilità e attenzione all’ambiente che, per fortuna, va diffondendosi sempre di più. Tuttavia, ci sono ancora dei dubbi anche fra coloro che prestano attenzione a dove buttano ogni loro rifiuto – o meglio, degli oggetti che possono trarre in inganno anche i “differenziatori” più esperti.

Uno di questi rifiuti è certamente rappresentato dallo scontrino fiscale che riceviamo dopo ogni acquisto. Sembrerebbe fatto di carta e magari molti di noi sono abituati a gettarlo insieme a scatole e vecchi giornali, ma sicuri di stare facendo bene?

Leggi anche: Dove buttare il cartone della pizza? L’errore che molti ancora commettono

In realtà, la questione degli scontrini è piuttosto complessa. Non esiste un solo tipo di scontrino e non tutti gli scontrini vanno gettati nel contenitore della carta proprio in virtù del materiale di cui sono fatti. Cerchiamo di fare chiarezza in modo da non commettere più errori.

La maggior parte degli scontrini, infatti, è realizzata in carta termica che non può essere riciclata. Si tratta di una carta speciale, arricchita con sostanze chimiche che reagiscono al calore. Questo tipo di scontrino va smaltito nel secco indifferenziato.

Le componenti chimiche presenti nella carta termica si scuriscono in presenza di una fonte di calore. Un trucchetto molto semplice per capire se uno scontrino è realizzato in carta termica non riciclabile nella carta consiste nel riscaldare lo scontrino con un accendino (senza dargli fuoco): se diventa nero, va gettato nell’indifferenziato.

test carta chimica

Ecco un semplice “test” da mettere in atto quando non siamo certi di dove vada gettato lo scontrino (greenMe)

Esiste però un nuovo tipo di carta termica, sviluppata con una tecnologia diversa e senza l’utilizzo di componenti di sostanze chimiche dannose. Questo tipo di carta per scontrini è di colore grigio/bluastro e può essere riciclata nella carta (controlliamo sempre la presenza della dicitura Riciclabile nella carta).

L’unico tipo di fattura fiscale che possiamo buttare nel cassonetto della carta anche a occhi chiusi è quella stampata direttamente su carta normale da una stampante e non da un ricevitore di cassa.

Per fugare altri dubi in merito alla raccolta differenziata suggeriamo di scaricare l’app JUNKER, disponibile gratuitamente su AppleStore e GoogleStore.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: Comieco

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook