Banane già sbucciate avvolte nella plastica, tutta la stupidità dell’uomo in un’immagine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se c’è qualcosa di veramente stupido a questo mondo è una banana venduta già sbucciata. E se c’è qualcosa di ancora più stupido è la mente umana che ha pensato con cotanto acume di imballarla con della plastica. Segno dei nostri tempi, ovvio, e del vuoto cosmico del “tutto e subito”

Ne abbiamo viste davvero di tutte: meloni già tagliati, uova sode, pomodori, ma anche cipolle in un vassoio e arance a spicchi e in bella mostra sotto uno spesso strato di plastica. Tutto, infatti, abilmente confezionato in vaschette, compreso quel tipo di frutta o verdura che ha per sua stessa natura una propria protezione, ovvero la buccia.

È il caso, per esempio, delle banane. Ma in questo caso il paradosso va ogni oltre limite della decenza: banane confezionate (in plastica) già sbucciate!

Un problema che riguarda davvero tutto il mondo, ogni angolo di questo pianeta. Già nel 2020 avevamo denunciato la mala usanza di sbucciare banane, che non avrebbero alcun bisogno di involucro, e metterle in un imballaggio (che se non correttamente smaltito va a soffocare pesci, tartarughe e distruggere l’ecosistema).

Ne parlammo qui: Uova sode e banane già sbucciate avvolte in strati di plastica al supermercato sono il simbolo di una società da ripensare radicalmente

Ora la questione si ripresenta (probabilmente non si è mai risolta) e la gente posta foto simili davvero da tutto il mondo.

E mentre Spagna e Francia dichiarano guerra agli imballaggi di plastica, nel nostro Paese non siamo certamente da meno e si continua ad avvolgere frutta e verdura in confezioni altamente inquinanti e, spesso, inutilmente ingombranti.

La sostenibilità ambientale passa anche dal packaging, per questo diciamo no a simili scellerati acquisti.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook