Cicuta velenosa: come riconoscerla e distinguerla dal fiore innocuo del pizzo della regina Anna

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La cicuta velenosa è una pianta molto diffusa in Europa ma altamente tossica. Ecco come riconoscerla e distinguerla.

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

La cicuta velenosa è una pianta molto diffusa in Europa ma altamente tossica. Ecco come riconoscerla e distinguerla.

Quando si fa una passeggiata, soprattutto in campagna e durante il periodo di fine estate, ci si può imbattere in una macchia di fiori dall’aspetto familiare fatta di steli lunghi e sottili, con piccoli fiori bianchi. Potrebbero sembrare fiori innocui, come i merletti della regina Anna una pianta spesso usata per arricchire molte composizioni floreali, ma non lo sono.

Purtroppo, però, potrebbe trattarsi di cicuta velenosa, una specie invasiva e attualmente in fase di diffusione in tutto il paese. Per evitare ciò, è meglio conoscerne le differenze e le caratteristiche. (Leggi anche: Le 10 piante più velenose)

Cos’è la cicuta velenosa?

La cicuta velenosa è originaria dell’Europa, e intorno al 1800 venne esportata negli Stati Uniti: ad oggi è presente un po’ ovunque.

Sfortunatamente, al contrario di altri fiori, non può essere usata a scopo ornamentale poiché è una specie invasiva e tossica per l’uomo, per gli animali domestici e il bestiame.

La cicuta velenosa è caratterizzata da fiori bianchi a forma di ombrello, che crescono insieme a partire da gambi corti. Tra tutti i membri della sua famiglia, ricorda più da vicino la carota selvatica nota anche come pizzo della regina Anna, ed è anche abbastanza comune. (Leggi anche: Nuova pianta carnivora scoperta in Nord America: è in grado di distinguere gli insetti impollinatori dalle sue prede)

Come distinguere tra la cicuta velenosa e il pizzo della regina Anna

Oltre all’aspetto molto simile, sia la cicuta velenosa sia il pizzo della regina Anna sono biennali e producono foglie solo nel loro primo anno, poi nel secondo anno seguono fiori bianchi e migliaia di semi, fino a terminare il loro ciclo vitale. 

Ora scopriamo le differenze secondo quanto riportato dalla Michigan State University:

Periodo di fioritura:

  • Cicuta velenosa: da giugno ad agosto
  • Il pizzo della regina Anna: da luglio a settembre

Gambi:

  • Cicuta velenosa: steli cavi verdi con macchie viola
  • Il pizzo della regina Anna: Steli verdi solidi

Fogliame:

  • Cicuta velenosa: foglie glabre
  • Il pizzo della regina Anna: peli fini sulle foglie

Profumo:

  • Cicuta velenosa: ha un odore sgradevole quando viene schiacciata
  • Il pizzo della regina Anna: le radici profumano di carote

Altezza:

  • Cicuta velenosa: raggiunge i 6-10 quando è matura
  • Pizzo della regina Anna: raggiunge 1-2 piedi quando è matura

La cicuta velenosa è nociva: ogni parte della pianta è tossica per l’uomo e gli animali, se ingerita. Inoltre, anche la sua linfa contiene un composto fototossico per la pelle, che può causare un ultra-sensibilità ai raggi UV con conseguente formazione di vesciche dopo l’esposizione al sole. 

La linfa si trova solo all’interno dello stelo, ma è buona cosa evitare di toccare tutta la pianta, anche se intatta. (Leggi anche: Questo fiore non è una semplice margherita, ma l’insetticida naturale più potente al mondo)

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook