Monte Bianco: il ghiacciao Planpinceux sta per venire giù più velocemente del previsto: accelera di 60 cm al giorno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La porzione frontale del ghiacciaio Planpicieuxha accelerato la velocità di slittamento e scivola di 60 centimetri al giorno

Una parte del ghiacciaio Planpicieux, pari a circa 27mila metri cubi, ha accelerato la velocità di slittamento e scivola di 60 centimetri al giorno.

Si tratta della parte frontale del ghiacciaio, una porzione che corrisponde al 10% del totale del Planpicieux.

Secondo gli esperti cadrà in tempi molto brevi, anche durante i prossimi giorni, ma trattandosi di una porzione relativamente piccola di ghiacciaio, le conseguenze dovrebbero essere limitate e non interessare strade e abitazioni.

“Dall’esperienza di monitoraggio, un settore con quella velocità e con quei volumi probabilmente cadrà nei prossimi giorni o settimane, ma sarà un evento limitato, che si arresta nel conoide immediatamente sotto il ghiacciaio e non avrà influenza sulle strade sottostanti.
Inoltre, la caduta del blocco più piccolo non allevia se non marginalmente il carico dei 250mila metri cubi che continuano a scendere a velocità costante”, ha spiegato Fabrizio Troilo della Fondazione Montagna sicura.

Il movimento della parte retrostante del ghiacciaio, che rappresenta la pare più consistente, rimane invece stabile a circa 35 centimetri al giorno.

La massa totale che dalla scorsa settimana è a rischio collasso è di circa 250 mila metri cubi di ghiaccio. A dare l’allarme sul pericolo del crollo del ghiacciao sono state la Regione Valle d’Aosta e della Fondazione Montagna sicura, dopo che è stata registrata un’accelerazione dello slittamento del ghiaccio.

Il ghiacciaio continua a essere monitorato da sistemi radar usati per il controllo delle frane e che riescono a percepire movimenti anche molto piccoli.

Nel momento in cui il Planpinceux dovesse crollare, Courmayeur e tutta la Val Ferret potrebbero subire conseguenze devastanti. Non potendo sapere con esattezza se e quando il ghiacciaio si staccherà, il Comune di Courmayeur ha deciso di chiudere al traffico la strada comunale della Val Ferret.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook