In Spagna la peggior grandinata degli ultimi 20 anni ha ucciso una bambina

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una delle peggiori grandinate della storia ha colpito la Spagna nelle scorse ore, causando decine di ferite e la morte di una bimba di appena venti mesi

La violenta grandinata che ha interessato la Spagna nella giornata ha provocato la morte di una bambina, oltre a decine di feriti e numerosi danni ad automobili ed edifici.

La piccola, di soli venti mesi, ha perso la vita dopo essere stata colpita alla testa da uno dei grandi chicchi caduti a La Bisbal d’Empordà. Si tratta della prima vittima da grandine registrata in Europa negli ultimi vent’anni.

Durante questa straordinaria e terribile grandinata sono infatti caduti a terra chicchi di dimensioni notevoli, circa dieci centimetri di diametro, più di una pallina da tennis.

A causa dell’impatto con i chicchi di grandine, circa trenta persone hanno riportato ferite, traumi e fratture.

La grandinata è cresciuta rapidamente, spostandosi dall’interno verso la zona costiera e a est della provincia di Gerona, in Catalogna.

Dalle immagini satellitari e dai radar meteorologici, si è vista una struttura temporalesca simile a una supercella: una colonna di aria rotante data da forti correnti ascendenti e discendenti al cui interno si possono formare chicchi molto grandi.

In questo caso, i chicchi hanno raggiunto il diametro di dieci-dodici centimetri, cadendo a terra a una velocità di oltre 200 km/h.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti di riferimento: Tiempo/La Vanguardia

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook