Alta marea a Venezia, tra le più alte della storia: senza il Mose la città sarebbe stata sommersa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mentre c’erano allerte meteo in mezza Italia e scuole chiuse in moltissimi Comuni, a Venezia si è verificata una marea eccezionale, la terza nella storia per gravità dopo le maree del 4 novembre 1966 e del 12 novembre 2019. Per fortuna le paratie del Mose hanno evitato il peggio

Valori del livello del mare registrati tra i più alti della storia”, così l’ISPRA ha definito l’evento meteo-marino eccezionale che ha coinvolto l’arco costiero Alto Adriatico e la città di Venezia nella mattina di ieri 22 novembre.

Alla stazione mareografica di Piattaforma CNR, al largo della costa veneziana, è stato infatti registrato un livello massimo di marea di 173 cm e altezze d’onda prossime ai 4 metri, mentre alla stazione di Meda Bocca Lido, per effetto dell’accumulo di acqua sopraflutto rispetto alle barriere del MoSE, è stato registrato un picco di 209 centimetri.

Leggi anche: Il Mose funziona ma tutto il Nord è sott’acqua. A Ventimiglia esonda il fiume Roya

È valore di livello registrato in Adriatico più alto della storia – dicono dall’ISPRA.

Ma, nella laguna di Venezia, proprio grazie alla chiusura del MoSE, il livello si è attestato su valori compresi tra i 50 e i 70 centimetri a Venezia Punta della Salute, mentre a Chioggia Vigo, per effetto del vento di Bora, è stato raggiunto il valore di 109 centimetri.

Valori prossimi ai 200 cm sono stati misurati anche nel Delta del Po veneto, con massimi di 198 cm a Porto Caleri e 203 cm a Scardovari, con altezza d’onda significativa in laguna superiore al metro.

Un evento di entità pari, se non superiore considerati i livelli massimi raggiunti, rispetto al 12 novembre 2019 e probabilmente anche all’evento del 4 novembre del 1966. Ma questa volta, la chiusura delle barriere mobili ha salvato la città lagunare.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: ISPRA

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook