La protesta degli omini LEGO contro Shell e a favore dell’Artico (#BlockShell)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli "omini" LEGO sono scesi nelle principali piazze di tutto il mondo dopo aver scoperto che la loro azienda si è coalizzata con Shell, pericoloso gigante del petrolio che sta trivellando l'Artico. Mentre le sue piattaforme invadono l'Artico, Shell sta infatti usando LEGO per ripulire la sua immagine.

Gli “omini” LEGO sono scesi nelle principali piazze di tutto il mondo dopo aver scoperto che la loro azienda si è coalizzata con Shell, pericoloso gigante del petrolio che sta trivellando l’Artico. Mentre le sue piattaforme invadono l’Artico, Shell sta infatti usando LEGO per ripulire la sua immagine.

È questa la denuncia di Greenpeace, che spiega come, mettendo il suo logo sui prodotti LEGO, il gigante petrolifero voglia guadagnare il pubblico consenso, facendo leva sulle emozioni e sulla passione che i mattoncini colorati suscitano in tutto il mondo. E nascondere il rischio di un disastro petrolifero in uno degli ecosistemi più delicati ed importanti del Pianeta.

mattoncini3

mattoncini2

mattoncini

COSA POSSIAMO FARE? Chiedere a LEGO di rompere con Shell. “Se saremo milioni, nessuno potrà ignorare la nostra voce! LEGO ha infatti molto a cuore quello che pensano i consumatori e dichiara che una delle sue ambizioni è quella di “proteggere il diritto dei bambini a vivere in un ambiente salubre”, spiega l’associazione ambientalista, che per questo ha lanciato una petizione online e l’hashtag #BlockShell.

lego shell2

mattoncini4

Per chiedere alla Lego di rompere l’accordo con Shell, basta inserire i propri dati nella pagina dedicata. Solo qualche secondo per unirsi agli omini Lego che non vogliono essere complici della distruzione dell’Artico.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Shell non trivellerà l’Artico

La Shell ferma le trivellazioni nell’Artico. Esulta Greenpeace

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook