Elettricità gratis dal mare: sta per sorgere la più grande centrale del mondo che sfrutta l’energia delle onde

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sulle sponde del Mar Nero verrà costruita la più grande centrale che trasforma l'energia del moto ondoso in elettricità: ecco dove e come funzionerà

Le onde del mare e degli oceani rappresentano una risorsa energetica rinnovabile straordinaria, ma anche una di quelle meno sfruttate nel nostro Pianeta. Fortunatamente, però, è in crescita il numero dell aziende che hanno deciso di investire in questo settore. E di recente è stato annunciato un progetto senza precedenti: in Turchia verrà costruita la più grande centrale elettrica del mondo che utilizza il moto ondoso.

Leggi anche: Questo convertitore galleggiante sfrutta il moto delle onde oceaniche per produrre elettricità (ed è fra le migliori invenzioni del 2022 secondo il Time)

Ad annunciarlo è stata la società svedese (con sede in Israele) Eco Wave Power, a cui è stata affidata la realizzazione dell’impianto onshore.

Quest’ultimo, dotato di una capacità di 77 megawatt (MW), sorgerà a Ordu (città che si trova a circa 400 km dalla capitale Ankara) e si affaccerà sul Mar Nero. In totale saranno 9 i frangiflutti del porto di Ordu che verranno appaltati dalla ditta turca OREN Ordu Enerji per portare a termine il progetto pilota nel corso di 25 anni.

Siamo molto entusiasti di annunciare questo accordo storico tra Eco Wave Power e Ordu Enerji, poiché questa collaborazione ci consentirà di fornire elettricità pulita dalle onde turche, per la prima volta. – ha commentato Inna Braverman, fondatrice e CEO di Eco Wave Power –Con ambiziosi obiettivi di sostenibilità e la vicinanza regionale alla nostra sede centrale, la Turchia è un luogo interessante per implementare e sviluppare ulteriormente la nostra innovativa tecnologia per l’energia del moto ondoso.

Ma come funziona esattamente la tecnologia Eco Wave Power?

I galleggianti traggono energia dalle onde in arrivo convertendo il movimento di salita e discesa del moto ondoso in un processo di generazione di energia pulita. – spiega la ditta – Più precisamente, il movimento dei galleggianti comprime e decomprime i pistoni idraulici che convogliano fluido idraulico biodegradabile in accumulatori posti a terra. Negli accumulatori si crea una pressione che fa ruotare un motore idraulico, che fa ruotare il generatore, e quindi l’elettricità viene trasferita nella rete, tramite un inverter. Il fluido, dopo la decompressione, rifluisce nel serbatoio del fluido idraulico, dove viene poi riutilizzato dai pistoni, creando così un sistema circolare chiuso. Il sistema inizia la produzione di elettricità da altezze d’onda di 0,5 metri.

Il punto di forza di questa innovazione è rappresentato dal monitoraggio basato su un sistema di automazione intelligente. Inoltre, quando le onde sono troppo alte, i galleggianti si sollevano automaticamente sopra il livello del mare per poi ritornare operativi appena il mare si calma.

L’ambizioso progetto delle centrale elettrica prevede un maxi investimento da 150 milioni di dollari. La costruzione dell’impianto avverrà in più fasi: prima sarà la volta di una stazione pilota da 4 MW, ma una volta terminati i lavori la centrale dovrebbe essere in grado di generare ben 77 MW.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Eco Wave Power

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook