Il passaggio verso le energie rinnovabili potrebbe fare risparmiare al mondo 12 trilioni di dollari, lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I prezzi del gas sono aumentati, così come le preoccupazioni sulle forniture di energia. Ma i ricercatori affermano che diventare ecologici in questo momento riveste anche un significato economico, anche grazie al calo dei costi delle energie rinnovabili

Il passaggio dai combustibili fossili a un’economia decarbonizzata e fondata sulle energie rinnovabili potrebbe far risparmiare al mondo fino a 12 trilioni di dollari, ergo dovremmo andare avanti a tutta velocità con la transizione verso l’energia verde perché ci farà risparmiare denaro.

È questa la conclusione cui sono arrivati alcuni ricercatori dell’Università di Oxford, che in uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Joule documentano come la transizione verso le rinnovabili non sia un costo per la società, ma un investimento molto rimunerativo.

E non solo: più velocemente andremo verso la transizione, maggiore sarà anche l’energia a disposizione per tutti (+55% di servizi energetici, come luce, calore o energia cinetica).

I vecchi modelli che prevedevano costi elevati per la transizione verso l’energia a zero emissioni di carbonio hanno scoraggiato le aziende dall’investire e hanno reso i governi nervosi riguardo alla definizione di politiche che accelerino la transizione energetica e riducano la dipendenza dai combustibili fossili. Ma i costi dell’energia pulita sono diminuiti drasticamente nell’ultimo decennio, molto più velocemente di quanto previsto da quei modelli – spiega l’autore principale dello studio, Rupert Way. La nostra ultima ricerca mostra che la crescita delle tecnologie verdi chiave continuerà a ridurre i loro costi, e più velocemente andiamo, più risparmieremo. Accelerare la transizione verso le energie rinnovabili è oggi la soluzione migliore, non solo per il pianeta, ma anche per i costi energetici.

Lo studio

I ricercatori hanno preso in esame migliaia di scenari di costo per la transizione energetica, incrociandoli con i dati su 45 anni di costi effettivi dell’energia solare, 37 anni di costi dell’energia eolica e 25 anni di costi per le batterie. Da questi numeri, è venuto fuori che il costo reale dell’energia solare è diminuito due volte più velocemente rispetto alle proiezioni più ambiziose tracciate da quei modelli. Secondo la ricerca, inoltre, sarebbe anche probabile che i costi per le tecnologie di stoccaggio energetico, come le batterie e l’idrogeno verde, si riducano.

I costi delle rinnovabili sono in calo da decenni – dice un altro co-autore della ricerca, Doyne Farmer. Sono già più economiche dei combustibili fossili in molte situazioni, e la nostra ricerca mostra che negli anni a venire diventeranno più economiche dei combustibili fossili in quasi tutte le applicazioni. E, se acceleriamo la transizione, diventeranno più economici più velocemente. Il mondo sta affrontando simultaneamente una crisi inflazionistica, una crisi della sicurezza nazionale e una crisi climatica, tutte causate dalla nostra dipendenza da combustibili fossili ad alto costo, insicuri, inquinanti con prezzi volatili.

Questa ricerca dimostra per l’ennesima volta come le politiche volte a un passaggi il più rapido possibile verso l’energia pulita non solo è urgentemente necessario per motivi climatici, ma può anche far risparmiare al mondo trilioni di costi energetici futuri, dandoci un’energia più pulita, più economica e futuro sicuro.

Non perderti tutte le altre nostre notizie, seguici su Google News e Telegram

Fonte: Joule

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook