Bollette luce e gas: Enel, Eni e le altre società sono autorizzate ad alzare i prezzi, ma solo in questo caso ribadito dall’AGCM

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo l'intervento del Consiglio di Stato, anche l'Agcm ha ribadito che le società fornitrici di energia sono autorizzate ad aumentare i prezzi in una specifica circostanza, vediamo quale

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) torna su una questione che in questo periodo tocca molto da vicino le famiglie e le imprese italiane: gli aumenti nelle bollette di luce e gas. Forse ricorderete che lo scorso 12 dicembre aveva avviato sette procedimenti istruttori e deciso di adottare altrettanti provvedimenti cautelari nei confronti delle principali società fornitrici di energia elettrica e di gas naturale sul mercato libero, che rappresentano circa l’80% del mercato, ovvero Enel, Eni, Edison, Acea, Hera, A2A e Engie.

Nel mirino dell’Antitrust erano finite le proposte di variazione del prezzo della fornitura di elettricità e gas naturale e le successive proposte di rinnovo delle condizioni contrattuali.

A fine dicembre è arrivata la conferma: sulla base dei principi espressi dal Consiglio di Stato, l’Agcm ha confermato parzialmente i provvedimenti cautelari emessi il 12 dicembre nei confronti di 5 società – Enel, Eni, Edison, Acea e Engie – sospendendo le sole modifiche unilaterali delle condizioni economiche non in scadenza (in violazione del Codice del Consumo e in contrasto con l’art. 3 del Decreto Legge 9 agosto 2022, n. 115 convertito in Legge n. 142 del 21 settembre 2022).

Invece, gli altri due fornitori di energia – ovvero e Hera e A2A – si sono visti revocare i provvedimenti cautelari perché hanno agito in maniera regolare.

Leggi anche: Caro bollette: rinviata al 2024 la fine del mercato tutelato per il gas (ma non basta)

Quando l’aumento di prezzo è legittimo?

Tuttavia, come ribadito dall’Autorità, c’è un caso in cui le aziende in questione possono alzare i loro prezzi: ovvero quando il contratto di luce e gas è scaduto.

Il Consiglio di Stato, ha circoscritto la portata dell’articolo 3 citato al solo “ius variandi per contratti che non siano scaduti e non ai rinnovi contrattuali conseguenti a scadenze concordate dalle parti”.

In poche parole se il prezzo sale al rinnovo di un contratto in scadenza, questo comportamento è assolutamente legittimo da parte del fornitore, che in realtà non sta modificando quello precedente.

Negli altri casi, invece, gli incrementi non sono ammessi. Nei limiti esplicitati, confermato i provvedimenti cautelari nei confronti di Enel, Eni, Edison, Acea ed Engie sospendendo l’efficacia di tutte le comunicazioni di modifiche unilaterali e/o rinnovo/aggiornamento/variazione delle condizioni economiche di offerta di contratti a tempo indeterminato, prive di una chiara, effettiva e predeterminata o predeterminabile scadenza. – chiarisce l’Agcom – Pertanto, in esecuzione del provvedimento dell’Autorità, le citate società non potranno variare le condizioni economiche delle forniture ai consumatori, ai condomini e alle microimprese che non hanno una effettiva scadenza.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: AGCM

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook