La deforestazione dell’Amazzonia in Brasile è al massimo degli ultimi 15 anni, una tragedia voluta dall’uomo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mai così forte la pressione sull’Amazzonia in Brasile, la deforestazione è al massimo degli ultimi 15 anni

Mai così forte la pressione sull’Amazzonia in Brasile, la deforestazione è al massimo degli ultimi 15 anni: un report dello stesso governo di Bolsonaro riporta come, in un solo anno, la perdita di questo patrimonio immenso sia pari alle dimensioni del Connecticut. Una tragedia voluta dall’uomo.

Il monitoraggio della deforestazione brasiliana, condotto nell’ambito del Program for Calculating Deforestation in Amazonia (Prodes), ha mostrato che la regione ha perso oltre 13.200 chilometri  quadrati di foresta pluviale, paragonabile a circa le dimensioni dello stato americano del Connecticut, solo tra agosto 2020 e luglio 2021.

Questa è la peggiore perdita annuale dal 2006, quando l’Amazzonia brasiliana perse quasi 23.000 chilometri quadrati, ed è quindi il più alto tasso annuo di deforestazione in oltre 15 anni, dopo un aumento del 22% rispetto all’anno precedente. Una tragedia per tutto il pianeta, visto che, oltre ad essere il nostro polmone, in Amazzonia vivono circa 1 milione di indigeni e 3 milioni di specie di piante e animali.

Un chiaro esempio della politica di Bolsonaro, visto che, fino al suo insediamento, l’Amazzonia brasiliana non aveva registrato una perdita annuale superiore a 3.000 miglia quadrate. L’attuale presidente, insediatosi nel 2019, ha ridotto al minimo le protezioni ambientali del Brasile, e questi sono alcuni risultati.

Leggi anche: Giustizia per il clima e per gli indigeni! Chiesta la condanna di Bolsonaro, accusato di crimini contro l’umanità

deforestazione brasile al massimo

©Governo Brasile/Prodes

Questo è il vero Brasile che il governo Bolsonaro cerca di nascondere con fantastici discorsi e azioni di greenwashing all’estero – tuona all’Associated Press Mauricio Voivodic, direttore esecutivo del World Wildlife Fund in Brasile – La realtà mostra che il governo Bolsonaro ha accelerato il percorso di distruzione dell’Amazzonia

Il report è datato 27 ottobre, quattro giorni prima dell’inizio della Conferenza sul Clima COP26 recentemente terminata. E Bolsonaro, pur non avendo partecipato, ha accettato di firmare l’accordo per porre fine alla deforestazione illegale, oltre a promettere di ridurre le emissioni di metano.

Leggi anche: Cop26: i leader mondiali firmano per porre fine alla deforestazione entro il 2030 (compresi Bolsonaro e Xi Jinping)

Lo farà?

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: Governo Brasile / AP News / Terra Brasilis/PRODES   

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook