I satelliti mostrano che il “mega-iceberg” si è sciolto, rilasciando 152 miliardi di tonnellate di acqua dolce nell’oceano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una nuova, drammatica notizia arriva dal fronte dei ghiacciai in scioglimento a causa del riscaldamento globale di origine antropica

Una nuova, drammatica notizia arriva in merito allo scioglimento dei ghiacciai in conseguenza del riscaldamento globale: il mega-iceberg A68A, ampio 5.719 km quadrati (il sesto più grande mai registrato) e staccatosi più di tre anni fa dalla piattaforma ghiacciata di Larsen-C, in Antartide, si è sciolto nel giro di tre mesi a cavallo fra il 2020 e il 2021, rilasciando nell’acqua degli oceani oltre 152 miliardi di tonnellate di acqua dolce (equivalenti all’acqua contenuta in circa 61 milioni di piscine olimpioniche).

È quanto è emerso dall’osservazione effettuata dai ricercatori del Center for Polar Observation and Modeling (CPOM), che hanno utilizzato misurazioni satellitari per registrare i cambiamenti nelle dimensioni e nello spessore dell’iceberg durante il suo ciclo vitale. Ben cinque satelliti hanno contribuito al monitoraggio di A68A: le immagini raccolte da Sentinel-1, Sentinel-3 e MODIS sono servite a valutare la progressiva riduzione dell’area occupata, mentre l’altimetria fornita da CryoSat-2 e ICESat-2 ha fornito informazioni utili relative allo spessore.

Se da una parte il distaccamento dell’iceberg dalla piattaforma ghiacciata e il suo percorso alla deriva nell’Oceano Antartico avevano rappresentato una minaccia per gli abitanti delle regioni costiere del South Georgia, anche lo scioglimento dello stesso e il rilascio in mare di miliardi di tonnellate d’acqua in prossimità dell’isola potrebbero avere pesanti ricadute sull’habitat marino della regione.

(Leggi anche: I depositi di metano artico del “gigante addormentato” stanno iniziando a sprigionarsi)

La storia

Dopo il distacco dalla piattaforma avvenuto tre anni e mezzo fa, A68A è rimasto nelle fredde acque del Mare di Weddell (Antartide) dove, a causa delle temperature rigide dell’acqua, non si è sciolto molto. Solo dopo aver intrapreso il suo “viaggio” alla deriva verso nord, verso acque sempre più calde, l’iceberg ha preso a sciogliersi ad un ritmo sempre più veloce, assottigliandosi di ben 67 metri in poche settimane – raggiungendo velocemente i territori costieri del South Georgia.

Lì si è temuto per le popolazioni che vivono sulle coste, poiché la collisione dell’iceberg con la terraferma avrebbe potuto distruggere la fauna costiera o provocare onde anomale che avrebbero minato la sicurezza delle coste. Tuttavia, una volta raggiunte le acque poco profonde attorno al South Georgia, lo spessore dell’iceberg si era già ridotto a 140 metri – meno dei 150 che rappresentano la profondità del fondale marino nell’area.

Anche se si è scongiurato il rischio di collisione diretta con l’iceberg, questo non vuol dire che il pericolo sia passato: lo scioglimento veloce del ghiaccio ha immesso in mare migliaia di tonnellate di acqua dolce, a danno dell’ecosistema marino dell’area – piante e animali marini che vivono in prossimità delle coste potrebbero risentire molto del cambiamento improvviso nella salinità e nella composizione chimica dell’acqua, con conseguenze non del tutto prevedibili.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Remote Sensing of Environment

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook