Clima: dipingere le Ande di bianco per arginare lo scioglimento dei ghiacciai

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dipingere i tetti di bianco di strade e case per abbassare la temperatura delle città, soprattutto in estate, lo abbiamo visto più volte anche in occasione della proposta di white roof avanzata dal premio Nobel Steven Chu, risulta una pratica efficace che permette di ridurre le emissioni. Farlo però a 4.700 metri sulle pareti rocciose delle Ande con lo scopo di ridurre il riscaldamento globale e arginare lo scioglimento dei ghiacciai appare quanto meno bizzarro

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

Dipingere i tetti di bianco di strade e case per abbassare la temperatura delle città, soprattutto in estate, lo abbiamo visto più volte anche in occasione della proposta di white roof avanzata dal premio Nobel Steven Chu, risulta una pratica efficace che permette di ridurre le emissioni. Farlo però a 4.700 metri sulle pareti rocciose delle Ande con lo scopo di ridurre il riscaldamento globale e arginare lo scioglimento dei ghiacciai appare quanto meno bizzarro.

Il Ministro dell’Ambiente peruviano lo ha addirittura definito “una stupidaggine immensa”, ma la Banca mondiale, invece, ci ha creduto a tal punto da eleggere il progetto come una delle “100 migliori idee per salvare il pianeta” finanziandolo con un assegno di 200mila dollari.

A voler applicare su larga (anzi alta) scala la tecnica di imbiancare con della vernice le montagne in modo da aumentarne le capacità riflettenti per limitare il global warming, Eduardo Gold che ha già attivato l’equipe di “pittori” sul ghiacciaio Chalon Sombrero.

Secondo Gold così facendo si “determinerà una sorta di micro-clima, in cui il freddo genererà più freddo, esattamente come il calore provoca maggiore surriscaldamento“.

Ai quattro imbianchini ora il compito di dipingere 3mila chilometri di Ande procedendo con la pittura di una ventina di ettari in 15 giorni sul ghiacciaio Cholon Sombrero, per poi cimentarsi negli altri 70 ettari dei tre massicci montuosi previsti dal progetto di Gold.

Servirà a qualcosa? Ci auguriamo decisamente di sì e se così non fosse almeno da lontano scorgendo le vette bianche, continueremo ad avere l’illusione che i ghiacciai siano sempre lì, anche se ormai solamente dipinti come nelle cartoline.

Simona Falasca

Scarica tutti i dettagli del progetto di Gold finanziato dalla Banca Mondiale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile e Co-Founder di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa di diversi settori. Appassionata di tecnologia e ambiente, ha tenuto corsi di scrittura per il web dedicati a giornalisti e studenti.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook