Come la raccolta della pioggia potrebbe aiutare a ridurre gli effetti della siccità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La siccità non è finita e comunque è qualcosa che siamo destinati a vivere sempre più spesso a causa dei cambiamenti climatici. Riemerge sempre più forte la possibilità di incrementare la raccolta delle acque piovane. Questa buona pratica potrebbe essere davvero di aiuto

Libera Terra

Siccità e inondazioni, un binomio molto stretto che è destinato a peggiorare nel prossimo futuro a causa dei cambiamenti climatici. Gli esperti tornano a parlare di raccolta dell’acqua piovana come possibile aiuto contro periodi di estrema mancanza d’acqua.

La siccità è un dramma tutto tutti i punti di vista. Oltre ad essere un evidente problema “di per sé”, lunghi periodi di estrema mancanza d’acqua incrementano il rischio di inondazioni potenzialmente devastanti. Infatti una forte pioggia, pur desiderabile, può diventare pericolosa su un terreno arido in quanto questo ha minori capacità di assorbire l’acqua.

Leggi anche: L’esperimento che dimostra come e perché dopo la siccità aumenta esponenzialmente il rischio di inondazioni

Ma la raccolta delle acque piovane, quando ci sono, può essere di aiuto. Se ne parla da tempo, ma in questo momento la questione è tornata alla ribalta, anche perché la siccità è tutt’altro che finita, anche qui da noi.

Leggi anche: La siccità è tutt’altro che finita, il grido di dolore inascoltato di fiumi e laghi italiani (sempre più asciutti)

L’acqua piovana può essere drenata in particolare dai tetti e raccolta in serbatoi di stoccaggio, e può essere utilizzata anche per sciacquare i servizi igienici e lavare i vestiti, il che potrebbe far risparmiare considerevolmente sul consumo idrico domestico.

La raccolta dell’acqua piovana è un modo alternativo per ottenere e immagazzinare acqua dolcescrivono su The Conversation Cecilia A. Green (Syracuse University) e Farah Nibbs (State University of New York College of Environmental Science and Forestry) – Raccogliendo in un serbatoio le precipitazioni che cadono naturalmente sui tetti e sui marciapiedi, si trasforma l’acqua che normalmente verrebbe dilavata in una risorsa per cucinare, fare il bucato, irrigare e persino per la produzione ad alta intensità idrica

Dal 2005 al 2015, il programma Water for Life delle Nazioni Unite ha promosso attivamente la raccolta dell’acqua piovana come potenziale soluzione alla carenza idrica globale. E secondo un rapporto delle Nazioni Unite del 2006, le precipitazioni in tutto il continente africano sono più che adeguate per soddisfare più volte i bisogni della popolazione attuale.

Eppure la crisi idrica, parte di un disastro ecologico in atto in gran parte provocato da noi, è sempre più preoccupante e sta travolgendo anche i Paesi cosiddetti sviluppati.

Perché anche se l’acqua è teoricamente abbondante, è sempre più difficile utilizzarla. E questo – non è difficile da immaginare – avrà conseguenze catastrofiche se non corriamo ai ripari.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook