In tutto il mondo le acque di molti mari e fiumi si stanno tingendo di rosso (e non è affatto una bella notizia)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’anomala colorazione rosso-bruna che stanno assumendo (temporaneamente) le acque marine in diverse regioni del Pianeta – fra cui anche l’Italia – sarebbe dovuta all’invasione di micro-alghe aliene e batteri

Le acque dei mari e dei corsi d’acqua di tutto il mondo sono sempre più vittime di un preoccupante fenomeno dalle conseguenze non ancora chiare per la sopravvivenza delle specie endemiche e per la nostra salute: le maree rosse. Cerchiamo di capire meglio questo fenomeno e le cause alla base della sua comparsa.

Proprio in questi giorni il lago Merritt, nello stato americano dell’Oakland, è invaso da una pericolosa fioritura di alghe tossiche che conferisce all’acqua un innaturale colore rosso-bruno. Per questo motivo, in attesa che l’emergenza rientri, le autorità locali hanno consigliato di evitare di nuotare e pescare nel lago, nonché di tenere lontani bambini e animali domestici dalle acque inquinate.

Gli esperti che stanno monitorando la situazione hanno ipotizzato una innaturale fioritura di alghe dinoflagellate, che potrebbe produrre tossine dannose per l’essere umano e per la fauna locale. Chiamate anche pirrofite, si tratta di alghe microscopiche per lo più unicellulari che, presenti in quantità esagerate, danno vita a ciò che i biologi chiamano marea rossa.

Queste innaturali fioriture di alghe tendono a manifestarsi in acque calde e calme: i ricercatori che stanno osservando questo fenomeno in diverse parti del mondo ritengono che crisi climatica e cambiamenti nei modelli meteorologici abbiano favorito le condizioni ideali per la fioritura innaturale di questi vegetali.

Ma il clima che cambia non è l’unico fattore che sta provocando le alghe rosse: anche lo sversamento dei rifiuti industriali e delle acque reflue, nonché la contaminazione da fertilizzati utilizzati in agricoltura contribuiscono a creare le condizioni ideali per la fioritura delle maree rosse.

Anche lo stato della California è alle prese con fioriture di micro-alghe rosse in diverse zone, dalla Bay Area di San Francisco al parco del Big Break Regional Shoreline e alla Del Valle West Beach di Livermore. Lo Stato ha messo a disposizione un portale online in cui, ogni settimana, viene aggiornato l’elenco di tutti i rapporti sulla fioritura delle alghe.

Il contatto con le tossine rilasciate da queste alghe può provocare eruzioni cutanee, vomito e sintomi assimilabili a quelli influenzali a persone e animali domestici. Ma la contaminazione batterica rappresenta una minaccia anche per le specie vegetali – ecco perché le autorità statunitensi hanno vietato l’utilizzo delle acque rosse anche per l’irrigazione di prati e giardini.

Anche in Italia, appena qualche settimana fa, abbiamo assistito a una simile invasione, con le acque di Rimini caratterizzate da una colorazione rossastra tendente al marrone. ARPAE ha rassicurato bagnanti e turisti sul fatto che si trattasse di un fenomeno naturale e non di una forma di inquinamento di origine antropica. Nel caso emiliano, l’invasione delle alghe rosse non ha portato problemi di tossicità all’acqua né per la fauna marina né per i bagnanti.

Non è la prima volta che si segnala la presenza di questa alga nelle acque marine italiane, e in particolare nel Mar Adriatico: si pensi che la prima segnalazione risale addirittura al 1994. Il fenomeno si manifesta nei mesi estivi (luglio e agosto) ed è caratterizzato da un progressivo intorbidimento dell’acqua entro i primi 200 metri da riva.

Anche in questo caso, come abbiamo già detto per le acque statunitensi, il fenomeno è influenzato da alcuni fattori quali temperature marine insolitamente alte (superiori ai 27°C), mare molto calmo, cielo sereno.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: City of Oakland / NOAA Ocean Service / ARPAE

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook