Abbandonata incinta, a questo pitbull e ai suoi cuccioli è stato regalato un servizio fotografico per trovare famiglia

Pitbull servizio fotografico

Si chiama Mama Pickles ed è una simpatica pitbull dalla storia in parte triste, in parte fortunata. Dopo essere rimasta incinta, i proprietari decisero di abbandonarla e purtroppo il rifugio dov’era finita non era in grado di prendersene cura adeguatamente, vista la gravidanza in corso.

Fortuna volle che a trovarla fu l’organizzazione, specializzata nella cura di cani in gravidanza e allattamento, Pits & Giggles Rescue. Era così felice di questa nuova casa che saltava ovunque, nonostante il pancione ingombrante.

Fu a quel punto che a Lauren Casteen Sykesai, fotografa e volontaria dell’organizzazione, venne l’idea di regalarle un servizio fotografico di maternità per aiutarla a trovare una famiglia adottiva. Davanti alla macchina fotografica, Mama Pickles si è dimostrata da subito una vera diva, adorabile e buffa con il suo enorme pancione. Nel frattempo leccava tutti e chiedeva massaggi alla pancia, talmente entusiasta da non riuscire a stare ferma un attimo.

Pitbull servizio fotografico

Pitbull cerca casa

Pitbull fotografie

A distanza di poco tempo, ha dato alla luce 8 cuccioli sanissimi, e la fotografa ha ben pensato di regalarle un ulteriore servizio fotografico, dove la pitbull compare accanto a loro, fiera e felice.

Nel giro di qualche mese mamma Pickles e cuccioli saranno pronti per essere adottati e queste meravigliose fotografie saranno sicuramente d’aiuto.

Nel frattempo se la spassano nel centro di Pits & Giggles Rescue, dove ogni cane viene coccolato, accudito e sistemato in un luogo adeguato per le sue necessità. Speriamo che Mama Pickles e cuccioli trovino presto una famiglia amorevole!

Cuccioli di pitbull

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photocredit: Enchanted Hills Photography

 

Ecotyre

Da Gomma a Gomma: lo pneumatico verde tutto italiano realizzato con materiali riciclati

Schar

12 ricette senza glutine dall’antipasto al dolce

Coop

Dopo uva, meloni e ciliegie, anche le clementine dicono addio al glifosato

tuvali
seguici su Facebook