©Chendongshan/Shutterstock

Coronavirus: anche in Italia arriva la bufala degli animali domestici infetti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sta circolando online una bufala riguardante gli animali domestici e il coronavirus, lo segnala BUTAC – Bufale un tanto al chilo, che sulla propria pagina facebook ha pubblicato un post con l’immagine di un “cartello” di carta che recita:

“Scienziati americani hanno scoperto che portatori sani di questo virus sono cani e gatti. Liberatevi dei vostri cani e gatti perché il virus è già stato mortale per 2.000 persone, avete una vita sola, salvatevi.”

Si tratta di una notizia totalmente falsa, smentita dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità che sul proprio sito, a tal proposito, scrive:

“Non ci sono prove che animali da compagnia o animali domestici come cani e gatti siano stati infettati o possano diffondere il virus che causa COVID-19.”

Lo ribadisce anche il Ministero della Salute che alla domanda “posso contrarre l’infezione dal mio animale da compagnia?” risponde no, specificando:

“Al momento non vi è alcuna evidenza scientifica che gli animali da compagnia, quali cani e gatti, abbiano contratto l’infezione o possano diffonderla.”

Ribadiamo quindi che si tratta di una bufala, lo dimostrano le fonti ufficiali, evitiamo di darle peso perché molte persone, prese dal panico, potrebbero volersi sbarazzare di cani e gatti. Già il fenomeno degli abbandoni è tutt’altro che sconfitto, non è proprio il caso di alimentarlo.

FONTI: BUTAC/OMS/Ministero della Salute

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Schär

Schär, alla scoperta di un mondo fatto di cereali e qualità

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook