Cibo per gatti contaminato da tubercolosi: contagio per 50 animali e 2 persone in UK

cibo per gatti

Cibo per gatti contaminato dal bacillo della tubercolosi. È allarme in Gran Bretagna, dove sono stati già contagiati 50 animali e 2 veterinari.

Il cibo per gatti sta scatenando un’epidemia mortale di tubercolosi. In particolare, il Wild Venison è stato richiamato dal produttore Natural Instinct, che lo commercializzava come l’opzione più salutare pensata per animali domestici.

Il richiamo è arrivato dopo che i veterinari dell’Università di Edimburgo avevano condotto alcune analisi per scoprire cosa ci fosse alla base dell’improvvisa epidemia di tubercolosi bovina (bTB) che aveva colpito decine di gatti.

Il problema è emerso per la prima volta quando 6 felini sono stati portati dai veterinari in Inghilterra, lamentando sintomi simili. I test hanno confermato che essi erano stati infettati da batteri che di solito causavano la tubercolosi nei bovini, ma che possono colpire anche altri animali come roditori e cervi.

Tutti gli animali coinvolti vivevano in casa, ciò significa che non avrebbero potuto contrarre l’infezione attraverso il contatto col bestiame.

L’unica cosa che i gatti avevano in comune era l’aver mangiato alcuni cibi di Natural Instinct, secondo quanto segnalato dai veterinari della Royal School of Veterinary Studies dell’Università di Edimburgo. Il professor Danièlle Gunn-Moore, ha spiegato:

“Abbiamo trovato prove circostanziali che questi casi di tubercolosi nei gatti fossero legati a una particolare marca di cibo”.

Dal canto suo, l’azienda si è difesa e ha spiegato:

“Tutto ciò che facciamo a Natural Instinct è fatto in modo tale da tenere in considerazione gli interessi dei nostri clienti e dei loro animali domestici. Possiamo assicurare ai nostri clienti che Natural Instinct ha seguito, e continua a seguire, tutti gli standard alimentari, le norme igieniche e le migliori pratiche necessarie per produrre alimenti crudi per animali domestici sul mercato commerciale. Come produttore responsabile, siamo regolarmente ispezionati dall’Autorità per la salute degli animali e delle piante (APHA). Abbiamo rispettato tutti i requisiti necessari e, conseguentemente, l’APHA ha confermato di essere soddisfatta di tutti gli standard da noi raggiunti. Anche se non produciamo e vendiamo più il prodotto per gatti Venison, continuiamo a lavorare con la Food Standards Agency e tutte le organizzazioni necessarie. Non solo come parte dell’indagine sul prodotto alimentare per gatti ma per garantire che gli standard più elevati continuino ad essere soddisfatti in tutto il settore. “

Intanto, è stato pubblicato nei giorni scorsi un rapporto sui primi sei casi su The Journal of Feline Medicine and Surgery. Dalla sua pubblicazione, l’epidemia è proseguita: i ricercatori hanno ricevuto decine di segnalazioni di gatti con tubercolosi bocina che hanno coinvolto 30 famiglie in tutto il Regno Unito.

Al momento sono in corso le analisi su circa 100 persone e 90 gatti.

Cos’è la tubercolosi bovina

Si tratta di una malattia causata dal Mycobacterium bovis, che si diffonde nel bestiame attraverso inalazione di areosol da tosse o da starnuto di animali infetti o da particelle infette di polvere. Può infettare anche l’uomo e può essere veicolata indirettamente ance da pascoli o acque contaminate.

La fonte principale di contagio per l’uomo solitamente è rappresentata dal contatto con animali infetti e dall’ingestione di prodotti provenienti da animali infetti, soprattutto attraverso prodotti derivati da latte non pastorizzato.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Coop

Dopo uva, meloni e ciliegie, anche le clementine dicono addio al glifosato

Ecotyre

Da Gomma a Gomma: lo pneumatico verde tutto italiano realizzato con materiali riciclati

tuvali
seguici su Facebook