In Campania il primo ‘118 veterinario’: da gennaio apre il pronto soccorso per animali ‘senza padrone’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

SOS animali: in Campania dal primo gennaio entrerà in funzione un numero verde per aiutare cani, gatti o altri animali in difficoltà. Feriti, abbandonati o in cerca di un aiuto qualsiasi, sarà un vero e proprio “118 veterinario”, che farà capo all’Asl di Napoli 1, a dare finalmente una mano concreta anche nella lotta al randagismo.

È quanto rientra nelle disposizioni approvate dalla Regione Campania e contenute nella legge numero 3 dello scorso aprile (“Disposizioni volte a promuovere e a tutelare il rispetto ed il benessere degli animali d’affezione e a prevenire il randagismo”), che presto entreranno nel vivo e che promuovono e disciplinano “ogni utile iniziativa e servizio per favorire il rispetto e il riconoscimento dei diritti degli animali […]” e, inoltre, “incentiva l’accoglienza e la buona tenuta degli animali d’affezione presso le famiglie proprietarie”.

In generale, la nuova legge prevede:

  • le attività di pronto soccorso e assistenza medica e chirurgica per gli animali senza padrone
  • una banca dati regionale anagrafe degli animali d’affezione
  • un registro Tumori Animali (RTA) e obbliga la registrazione di tutti i tumori diagnosticati negli animali in Regione Campania
  • un numero verde regionale (c.d. 118 veterinario) per segnalare la presenza di cani vaganti feriti e gatti liberi feriti sul territorio regionale

Cosa vuol dire? Che finalmente anche in Campania i diritti degli animali, d’affezione, randagi o accuditi, sono riconosciuti a pieno titolo e che già dai primi giorni del 2020 i nostri amici a quattro zampe in pericolo potranno essere immediatamente curati da veterinari e rimessi in salute. Sarà infatti proprio il numero verde a mettere in contatto con il Pronto Soccorso veterinario.

Come funzionerà il numero verde veterinario

Se capita di vedere un animale ferito per strada, è fondamentale sapere a chi rivolgersi e come nell’arco di pochissimi minuti. A questo servirà il nuovo numero verde attivo dai prossimi mesi.

In generale, si potrà richiedere assistenza per attività di pronto soccorso e assistenza medica e chirurgica per gli animali senza padrone, come si legge dalle disposizioni:

È istituito presso il CRIUV (Centro Recupero Animali Selvatici) un numero verde regionale per segnalare la presenza di cani vaganti feriti e gatti liberi feriti sul territorio regionale. Le informazioni recepite presso il numero verde sono trasmesse al veterinario reperibile del servizio veterinario pubblico competente per territorio che attiva le procedure previste dalla presente legge”.

Nel momento in cui sarà individuato un cane in strada, prima di entrare in canile o affidato a una famiglia adottiva, verrà quindi curato dalla Asl per tutte le eventuali patologie o necessità.

Tra le altre novità della Legge, infine, sono previsti anche un archivio regionale degli animali, con l’obiettivo di avere un controllo più capillare sugli stessi e sui padroni, in modo da prevenire anche il randagismo; corsi obbligatori per i proprietari di animali pericolosi e anche il registro tumori per gli animali.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook