I 14 Pinguini tornati in libertà, il commovente ritorno in natura

Caldo estivo: come proteggere i nostri gatti?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le giornate estive sono spesso veramente calde e afose non solo per noi esseri umani, ma anche per i nostri amici animali. Più volte abbiamo affrontato l’argomento concentrandoci sui cani… ma i gatti invece?

Anche loro non sono per nulla immuni a questo clima di piena estate; forse sono un po’ più “tutelati” per il fatto che più facilmente riescono a trovare un luogo più riparato e magari più fresco, sia i mici di casa, sia i randagi che cercano refrigerio tra i rami degli alberi o sotto un cespuglio e che girovagano nelle ore più fresche della giornata. Raramente quindi si verifica un colpo di calore in un gatto perché, rispetto ad un cane, hanno meno possibilità di essere dimenticati in auto, di essere legati alla catena sotto il sole o portati in giro nelle ore più calde della giornata.

Comunque anche per loro è importante prendere in considerazione degli accorgimenti per proteggerli dalla calura estiva:

  • lasciate loro libero accesso agli ambienti più freschi della casa;
  • non costringeteli su balconi o terrazzi soprattutto se non riparati dal sole (meglio evitare di tenerci anche cassette con la lettiera o ciotole col cibo, perchè potrebbero causare odori forti e indesiderati oltre che attivare insetti (e gli alimenti andrebbero incontro a deterioramento molto più velocemente);
  • chiudete le persiane o abbassate le tapparelle quanto basta per creare dell’ombra, soprattutto nelle ore più calde e nelle stanze esposte al sole; se avete la doppia esposizione, create corrente lasciando aperte due finestre (o porte), purchè non eccessiva;
  • se fa eccessivamente caldo anche in casa, sono consentiti ventilatori e aria condizionata, facendo però attenzione che l’ambiente non diventi eccessivamente freddo e che il getto dell’aria non sia diretto verso l’animale;
  • lasciate sempre a disposizione acqua fresca (ma non appena presa dal frigorifero);

I soggetti più deboli anche da questo punto di vista sono sicuramente i gatti anziani, debilitati o che soffrono di patologie cardiache e respiratorie. Nel caso temiate un colpo di calore (vedreste il vostro gatto ansimare, con le mucose scure, salivazione eccessiva, fino a vertigini e tremori), dopo aver bagnato con acqua il vostro micio su testa, polpastrelli, sotto le ascelle e zona inguinale, portatelo immediatamente al veterinario.

LEGGI ANCHE:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook