Parklet: luoghi di aggregazione in legno al posto dei parcheggi. Berna raccoglie la sfida

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se le automobili rimangono ferme e inutilizzate per buona parte del loro ciclo di vita, perché non ripensare ai posti normalmente destinati ai parcheggi?

Mobilità urbana: avete mai immaginato tavoli e sedie al posto delle auto ai margini dei marciapiedi? Proprio così: mettere su delle vere soluzioni modulari, in genere realizzate in legno, in grado di ospitare delle sedute pubbliche o anche rastrelliere e spazi verdi. E dire addio al traffico e al parcheggio selvaggio.

Berna è l’ultima di una lunga lista di città che hanno già pensato proprio ai “Parklet”, ossia delle autentiche estensioni dei marciapiedi dove si creano luoghi d’incontro per bere un caffè, mangiare un panino in pausa pranzo o semplicemente per rilassarsi fuori dal caos cittadino.

Ispiratasi a San Francisco, nella città svizzera ben sette parcheggi sono stati già trasformati in luoghi d’incontro pubblici. Altri subiranno questa metamorfosi prossimamente. I “parklet” – quelli già attivi e quelli che lo saranno a breve – sono arredati con tavoli, ombrelloni, panchine e divani in legno.

Si tratta, in pratica, di aree pubbliche attrezzate ricavate dallo spazio liberato dal posteggio di una o più automobili: il loro scopo è quello di creare un ambiente accogliente tutto a disposizione della popolazione “per lavorare, leggere, discutere, consumare il proprio cibo o come luogo di incontro”, spiega l’assessore comunale Ursula Wyss, direttore dell’ingegneria civile, dei trasporti e della città.

Ovvio, per essere creati i “parklet” devono seguire specifici standard costruttivi, come delle misure minime in larghezza e in lunghezza, la non interferenza con la raccolta di acque reflue e la libera accessibilità: gli spazi, cioè, non potranno essere acquisiti e utilizzati a scopi solamente privati dal costruttore (l’area, una volta allestita, potrebbe venire usata da chiunque, cliente o meno dell’attività commerciale).

parklet 1

Il proprietario è anche obbligato ad apporre una segnaletica che indichi la caratteristica di spazio pubblico del “parklet”.

Potrebbe essere questo un modo per sensibilizzare i più al valore dello spazio stradale adibito a parcheggio e ridurre il traffico veicolare a tutto vantaggio della mobilità a piedi e in bicicletta? Molto probabile, soprattutto in città come Berna. Ma qui da noi sarebbe fattibile?

Germana Carillo

Parklet, i parcheggi a Berna diventano luoghi di incontro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook