Il murales della vite circolare: l’arte dei graffiti incontra la botanica (FOTO)

12-SpY-grow-france

Un triste muro grigio come tela, centinaia di rami e foglie di vite come pennelli e colori. È così che l’artista spagnolo Spy ha ravvivato la Bibliothèque de sciences et sport del Campus de la Bouloie, a Besançon, Francia, mettendo su una prodezza geometrica che ha per protagonisti la botanica e i graffiti.

Grazie a un’attenta potatura delle esistenti piante selvatiche, infatti, è stato possibile creare un murales vivente e naturale, di forma circolare, trasformando il sito in un opera d’arte permanente da preservare per sempre.

La splendida creazione è costituita semplicemente da file di vitigni e foglie che, una volta raggiunta la massima altezza, si presentano quasi come se fossero trasandati, in contrasto con la cura della potatura, quasi a indicare una crescita infinita e incontrollabile.

Vedendo nelle viti selvatiche una tela da plasmare, Spy ha iniziato a scolpire mantenendo i rami principali e creando un cerchio perfetto. La cosa più bella di tutto questo? È sicuramente che al cambiare delle foglie, cambieranno anche i colori dell’opera, in permanente mutazione proprio come le stagioni che passano.

La nuova forma richiama l’attenzione sulla bellezza della natura che popola le nostre città. Obbligatorio fermarsi a osservare e perdersi negli infiniti dettagli che madre natura ci offe.

Roberta Ragni

Foto e fonte

LEGGI anche:

Green graffiti: arte e situazionismo al servizio della cultura ecologica

Il murales realizzato con migliaia di tappi di plastica in Argentina

Ecotyre

Da Gomma a Gomma: lo pneumatico verde tutto italiano realizzato con materiali riciclati

Schar

12 ricette senza glutine dall’antipasto al dolce

Coop

Dopo uva, meloni e ciliegie, anche le clementine dicono addio al glifosato

tuvali
seguici su Facebook