Mobili in cartone riciclato di design targati Naj-Oleari

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mobili in cartone dal design accattivante, griffato Naj-Oleari. Tavoli, scrivanie, sedie, ma anche librerie e armadi quattro stagioni con vivaci grafiche per arredare con stile ed ecosostenibilità la propria casa, l’ufficio, ma anche per allestire negozi, stand e spazi fieristici. Dopo aver lanciato lo scorso aprile il primo showroom online di mobili di cartone a Lanzago di Silea (Treviso), la P-One mette a disposizione del grande pubblico i propri prodotti sul suo nuovo sito di e-commerce dove sarà possibile visionare e acquistare l’intero assortimento dell’azienda veneta specializzata in cartone riciclato al 100% made in Italy.

Mobili belli, ecologici, ma differentemente da quanto si possa pensare, anche resistenti perché testati per sopportare le stesse tensioni e pressioni standard di un qualsiasi mobile in legno o altro materiale. La sedia Giulia, ad esempio, o la libreria Qubo, entrambi omologati secondo le normative CE, sono state sottoposti rispettivamente ad un test di seduta simulata con robot di 100 kg per una spinta sullo schienale di 30 chilogrammi e, per quanto riguarda la libreria, a resistere a ben 16 Kg per vano d’appoggio.

È stata una grande intuizione – spiega Tiziano Remor, ad Publiremor, ideatore di P-ONE insieme al “re della carta” Bruno Zago – Grazie all’adozione di tecnologie evolute, dalla stampa digitale su cartone a innovativi sistemi per il taglio e la cordonatura, P-ONE è in grado di dimostrare come si possa donare nuova vita a una materia prima proveniente dal riciclo, e soprattutto come si possa farlo in modo estremamente all’avanguardia e accattivante, garantendo la qualità di un prodotto di design al 100% made in Italy, al 100% riciclato e al 100% riciclabile, concludendo così in modo spettacolare la filiera della carta gestita dal gruppo Pro-gest fin dalla sua origine nelle numerose cartiere del gruppo”.

sedia giulia libreria cartone

Quello dell’arredamento e del design ecosostenibile è solo uno dei tanti possibili utilizzi – spiega Bruno Zago, ad PRO-GEST che la materia prima cartone riciclato può consentire, procurando una complessiva riduzione dell’impatto ambientale del prodotto, dalla sua realizzazione, al suo trasporto al suo smaltimento. Si tratta di un nuovo modo di pensare alle materie prime: dobbiamo imparare a immaginare che dal rifiuto si può donare nuova vita a un materiale, che esistono infinite possibilità di reinventare i prodotti che siamo abituati ad usare. Per fare questo serve molta creatività e investimenti in ricerca e sviluppo, ma sappiamo che il futuro è in questa direzione: sempre più persone stanno sviluppando sensibilità e attenzione nei confronti del valore dell’ecosostenibilità”.

Anche i prezzi sembrano accettabili. Per dare un’occhiata visitare www.poneshop.it

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook