La coppia indiana che fa lezione in strada per i bambini poveri rimasti senza scuola a causa della pandemia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mentre l’India è duramente colpita dalla pandemia, tanti bambini e ragazzi dalla fine di marzo hanno dovuto rinunciare alla scuola. Chi può continua con la didattica a distanza ma la maggior parte non può permettersi accesso ad internet, pc o smartphone. Proprio a loro ha pensato una coppia di pensionati che ha deciso di offrire lezioni in strada.

In una strada tranquilla della capitale dell’India, Nuova Delhi, seduti su un marciapiede di mattoni, un gruppo di bambini e ragazzi rimasti senza la possibilità di studiare continuano ad apprendere grazie alla generosità di una coppia locale.

I bambini, di età compresa tra 4 e 14 anni, camminano per più di 2 chilometri dalle loro capanne con il tetto di paglia sulle rive del fiume Yamuna fino a questa classe improvvisata lungo la strada.

© AP/Manish Swarup

© AP/Manish Swarup

Ad attenderli vi sono Veena Gupta  (ex cantante) e suo marito, Virendra Gupta (ex diplomatico) che offrono lezioni gratuite di matematica, scienze, inglese ed educazione fisica.

La coppia ha deciso di mettersi al servizio di questi bambini in modo che non rimangano troppo indietro rispetto agli altri che invece hanno i mezzi necessari per continuare a studiare da casa:

“Non hanno accesso a Internet, le loro scuole sono chiuse e non hanno alcun mezzo per imparare”, ha dichiarato Veena.

Marito e moglie, insegnanti per l’occasione, mettono anche a disposizione dei bambini tutto l’occorrente per studiare:  libri, matite, quaderni e altri materiali didattici.

© AP/Manish Swarup

© AP/Manish Swarup

Mentre molte scuole private stanno continuano con la didattica a distanza, i bambini nella maggior parte delle scuole gestite dal governo non hanno questa opzione o non hanno i mezzi per acquistare strumenti di apprendimento digitale come laptop e smartphone.

“Nella mia famiglia c’è un solo cellulare e di solito è con mio padre. Non posso studiare online” ha dichiarato Nitin Mishra, una studentessa di terza media.

La madre di Mishra lavora come domestica part-time e suo padre non è in grado di trovare un impiego poiché l’economia indiana è stata duramente colpita dalla pandemia.

Di giorno in giorno le classi in strada sono cresciute mentre dozzine di bambini hanno mostrato interesse a seguire le lezioni offerte dalla coppia. Ora i Gupta, con l’aiuto del loro autista, insegnano a tre diversi gruppi tre volte a settimana, mattina e sera.

Dopo le lezioni, i bambini fanno anche merenda grazie alla limonata fatta in casa e ai biscotti preparati da Veena.

Ora l’obiettivo della coppia è di reclutare altri volontari in modo da offrire più corsi così che un maggior numero di bambini possano parteciparvi.

“Non si tratta dei soldi che le persone possono dare, ma del loro tempo. Dovrebbero dedicare un po ‘del loro tempo, circa un’ora, se non tutti i giorni, un giorno sì e uno no, e venire ad aiutare questi bambini”.

© AP/Manish Swarup

Fonti: Hindustan Times / Seattle Times

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook