@Angelo Esslinger/Pixabay

Le pietre da massaggio aiutano a scoprire il ruolo della corteccia prefrontale nella percezione sensoriale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I risultati di un nuovo studio gettano luce sul ruolo che la corteccia prefrontale svolge nell’elaborazione e nella percezione sensoriale

Gli scienziati dell’Università di Toronto (U of T) hanno scoperto tramite uno studio che la corteccia prefrontale del cervello, una regione nota principalmente per il suo ruolo nella regolazione del comportamento, nell’inibizione degli impulsi e nella flessibilità cognitiva, produce sensazioni basate su informazioni fornite da vari sensi. I risultati forniscono nuove intuizioni sul ruolo, ancora poco compreso, della corteccia prefrontale nella percezione umana.

Lo studio

Utilizzando una combinazione di fotografie, suoni e persino pietre da massaggio riscaldate, i ricercatori hanno studiato i modelli di attività neurale nella corteccia prefrontale e in altre regioni del cervello, note per essere responsabili della stimolazione da tutti i sensi e hanno trovato somiglianze significative.

Se un individuo è stato esposto direttamente al calore, ad esempio, o semplicemente guardando l’immagine di una scena soleggiata, si è potuto notare lo stesso schema di attività neurale nella corteccia prefrontale. Quindi, i risultati suggeriscono che la corteccia prefrontale generalizza le esperienze percettive che hanno origine da diversi sensi.

Per capire come il cervello umano elabora il torrente di informazioni dall’ambiente, i ricercatori spesso studiano i sensi in isolamento, con gran parte del lavoro precedente incentrato sul sistema visivo. Utilizzando la tecnologia di risonanza magnetica funzionale (fMRI) per catturare l’attività cerebrale, i ricercatori hanno condotto due esperimenti con gli stessi partecipanti, basandosi sul sapere come le regioni del cervello rispondono in modo diverso a seconda dell’intensità della stimolazione.

Nel primo, i partecipanti hanno visto una serie di immagini di varie scene, comprese spiagge, strade cittadine, foreste e stazioni ferroviarie, e gli è stato chiesto di giudicare se le scene fossero calde o fredde e rumorose o silenziose. Durante tutto, è stata monitorata l’attività neurale in diverse regioni del cervello.

Nel secondo esperimento, ai partecipanti è stata prima consegnata una serie di pietre da massaggio riscaldate o raffreddate, e successivamente sono stati esposti a suoni sia silenziosi sia rumorosi, come uccelli, persone e onde su una spiaggia.

Quando si sono confrontati i modelli di attività nella corteccia prefrontale, i ricercatori hanno potuto determinare la temperatura sia dall’esperimento della pietra sia dall’esperimento con le immagini poiché i modelli di attività neurale per la temperatura erano coerenti tra i due esperimenti. Quindi, hanno potuto determinare con successo se un partecipante stava tenendo in mano una pietra calda o fredda dai modelli di attività cerebrale nella corteccia somatosensoriale, che è la parte del cervello che riceve ed elabora le informazioni sensoriali dall’intero corpo.

Allo stesso modo, i ricercatori sono stati in grado di decodificare i suoni rumorosi rispetto a quelli silenziosi dalla corteccia uditiva del cervello, e le immagini di scene rumorose rispetto a quelle silenziose dalla corteccia visiva.

La revisione suggerisce che i risultati potrebbero aprire una nuova strada per studiare come il cervello riesce a elaborare e rappresentare complessi attributi del mondo reale che abbracciano più sensi, anche senza sperimentarli direttamente. Inoltre, questi risultati potrebbero aiutare le persone con limitazioni in una modalità sensoriale a compensare con un’altra, e raggiungere così rappresentazioni concettuali identiche o molto simili nella loro corteccia prefrontale.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: JNeurosci

Ti potrebbe interessare:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook