I capolavori del Prado sotto gli effetti del cambiamento climatico, la simulazione che fa riflettere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una temperatura globale di anche solo un grado e mezzo in più cosa comporterebbe? Porterebbe a un totale sconvolgimento, Lo cambia todo, come si dice in queste ore a Madrid dove, in occasione del vertice sul clima, il WWF in collaborazione con il Museo del Prado cerca di spiegare gli effetti dei cambiamenti climatici con una video-simulazione dal forte impatto visivo.

Il WWF e il Museo del Prado si sono infatti uniti in occasione della Cop25 per mostrare come sarebbe un pianeta se la temperatura aumentasse di oltre 1,5 ° C, con la campagna “+ 1,5 ° C Cambia tutto”.

Così accade che Filippo IV a cavallo potrebbe essere sommerso dall’alta marea o che Caronte attraversi lo Stige di Joachim Patinir completamente prosciugato oppure che i Bambini sulla spiaggia di Sorolla si ritrovino in mezzo a una miriade di pesci morti. Tutto questo e molto altro potrebbe accadere se perdiamo ancora altro tempo.

È l’accorato appello che arriva dal WWF  che denuncia, anche con una video-simulazione (VIDEO sotto), come il cambiamento climatico stia avvenendo più rapidamente del previsto e che lo scioglimento dei ghiacciai, l’innalzamento del livello del mare e gli eventi meteorologici siano sempre più estremi.

Di fatto, le concentrazioni di gas inquinanti nell’atmosfera hanno raggiunto livelli allarmanti e gli impatti dei cambiamenti climatici sono evidenti: le risorse idriche sono ridotte, la produttività delle colture sta diminuendo, le foreste bruciano in maniera incontrollabile e l’oceano diventa molto più acido mettendo in pericolo la sopravvivenza della fauna marina e il futuro di milioni di persone che vivono di pesca.

Se continueremo a bruciare combustibili fossili a questo ritmo, presto andremo oltre il punto di non ritorno.

Ed è così che, per spiegarlo anche attraverso l’arte, i capolavori del museo di Madrid El Prado prendono vita in una video-simulazione del WWF cambiando d’aspetto in base agli effetti dell’innalzamento della temperatura.

L’effetto è strabiliante:

el prado wwfel prado wwfel prado wwfel prado wwfel prado wwfel prado wwfel prado wwfel prado wwf

Ma cosa succederà, in definitiva, se superiamo il limite di 1,5° C?

Ecco i punti messi in evidenza dal WWF:

  • Il livello del mare potrebbe alzarsi di oltre un metro alla fine di questo secolo, il che farebbe scomparire interi stati e lasciando senza casa milioni di persone
  • Nel 2050 potrebbero esserci 1 miliardo di rifugiati climatici
  • Il 30% delle specie potrebbe scomparire in quanto non potrebbero adattarsi agli impatti dei cambiamenti climatici
  • L’aumento dell’acidità del mare causato dai cambiamenti climatici influenzerà grandi popolazioni di pesci e potrebbe far scomparire fino al 90% delle barriere coralline
  • L’aumento dei periodi di siccità minaccia i fiumi e le colture in tutto il mondo
  • Il 74% del suolo della penisola iberica è in fase di desertificazione e la tendenza continuerà ad aumentare
  • La crisi climatica influenzerà la nostra salute, aumentando il rischio di allergie e malattie tropicali causate da specie invasive

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook