Wight, la lampada a LED Wi Fi che reinventa la luce

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ottenere la luce perfetta per ogni persona, in ogni momento. E senza danneggiare l’ambiente. Con la lampada Wight questo è possibile, grazie al suo sistema di illuminazione che permette di reinventare la luce, momento per momento, ambiente per ambiente, dando vita a un’infinita possibilità di combinazioni luminose.

Come ci riesce? Con sei schede elettroniche, una per ogni faccia del cubo, che controllano ciascuna 162 LED, metà destinati alla luce bianca e metà alla luce colorata. Ogni singola faccia è indipendente dalle altre e può essere personalizzata per modificare, colore, intensità e scenario. Ogni settore può essere personalizzato e gestito con semplicità da computer, cellulare o telecomando fornito nella confezione.

La lampada è alimentata con un piccolo alimentatore, come se fosse un computer, e una volta collegata è in grado di connettersi alla rete Wi Fi. Tutte le funzioni possono essere controllate attraverso applicazioni iOS, Android e Html5 direttamente dai telefoni cellulari e tablet e PC. Ma oltre che sulla bellezza e all’innovativa tecnologia, il progetto punta sull’ecologia: la lampada a led Wi Fi, infatti, consuma pochissimo.

Wight2

I LED non scaldano, non emettono sostanze nocive e consumano la metà delle lampade a risparmio energetico. La potenza dei LED di Wight corrisponde alla luminosità ottenuta usando 600W di lampadine tradizionali. Il consumo alla massima potenza, che è in grado di illuminare un ambiente di circa 40mq, è di soli 84W che significa un costo massimo di 0,1€ ogni 6 ore di illuminazione“, spiegano i suoi ideatori, che l’hanno progettata a Firenze e realizzata in Italia.

Quanto costa questa “eco-meraviglia”? Lo rivela il sito stesso: comprando adesso Wight, al prezzo speciale di 349€ tutto incluso, con 2 anni di garanzia (la lampada andrà sul mercato a circa 600 euro) si entra a far parte del gruppo dei 100 che, con il loro contributo alla discussione sull’esperienza d’uso gestito on line, aiuteranno il team a rendere l’esperienza di “reinventare la luce” assolutamente perfetta. Ad ogni utente del primo modello di Wight sarà dato accesso agli strumenti di condivisione e sviluppo collettivo, oltre a ricevere una versione numerata e personalizzata della lampada. Un piccolo riconoscimento alla partecipazione al progetto nella sua fase iniziale.

Per tutte le informazioni e la modalità di preordine clicca qui

Roberta Ragni

LEGGi anche:

Come realizzare lampade e lampadari dai contenitori in tetra pack

Lampade a LED: 10 idee fai-da-te

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook