Sindrome di Ramsay Hunt: cos’è, sintomi e come si trasmette la malattia che ha provocato una paralisi facciale a Justin Biebier

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Justin Bieber ha dovuto cancellare le date dei concerti futuri a causa di un'infezione virale che gli ha paralizzato un lato del viso. Vediamo di cosa si tratta e quali sono i sintomi della Sindrome di Ramsay Hunt

Attraverso i suoi profili social, il cantante Justin Bieber ha annunciato nei giorni scorsi ai suoi fan che dovrà prendersi una pausa dal suo tour. Il motivo è la Sindrome di Ramsay Hunt, una patologia neurologica dovuta alle conseguenze dell’infezione da virus Herpes Zoster, ossia la malattia di Lyme, di cui ha raccontato di soffrire circa 2 anni fa.

Come potete vedere, questo occhio non batte le palpebre – ha detto Bieber in un video su Instagram. Non riesco a sorridere da questa parte del viso. Questa narice non si muove.

La sua, quindi, è una condizione ben più complessa e la vicenda ha acceso i riflettori su una patologia piuttosto sconosciuta, che deriva dalle conseguenze di un’infezione da virus Herpes Zoster che, nel caso della pop star canadese, ha provocato una paralisi unilaterale del viso

Scopriamo di cosa si tratta e come si trasmette.

Sindrome di Ramsay Hunt, cos’è e i sintomi

La sindrome di Ramsay Hunt è un disturbo neurologico che si verifica quando un virus infetta un nervo della testa, vicino all’orecchio. Nello specifico, la sindrome di Ramsay Hunt, nota anche come Herpes zoster oticus, si manifesta con disturbi di carattere neurologico ed è causata dalla riattivazione dell’Herpes Zoster, lo stesso virus che causa la varicella.

L’Herpes zoster (o Fuoco di Sant’Antonio= è una patologia che può essere particolarmente fastidiosa e dolorosa. I classici sintomi comprendono sfoghi cutanei e macchie rosse che nel giro di poco tempo si trasformano in bolle acquose o vesciche e successivamente in croste. L’eritema che compare generalmente sul corpo (più spesso a livello delle costole) è doloroso, brucia e prude. Una volta guariti generalmente non si avverte più nulla, esistono però casi in cui il dolore permane per mesi.

Leggi anche: Herpes zoster: cos’è, sintomi e come si manifesta

Il virus è presente nelle vescicole che compaiono sulla cute intorno all’orecchio e si potrebbe trasmettere a una persona che non abbia avuto la varicella o non è stata vaccinata per varicella

I sintomi più frequenti sono:

  • eruzione cutanea con vescicole intorno all’orecchio o all’interno del condotto uditivo
  • paralisi dei muscoli facciali dal lato del nervo colpito con l’incapacità a corrugare la fronte
  • ptosi della palpebra (ossia la palpebra cadente, che può coinvolgere 1 o entrambi gli occhi)
  • incapacità a chiudere l’occhio
  • pendenza della rima labiale

Se sono coinvolti anche altri nervi cranici si possono avere anche:

  • vertigini
  • nausea
  • perdita dell’udito
  • alterazione della salivazione e alterazione del gusto

Le cause della Sindrome di Ramsay Hunt

La Sindrome di Ramsay Hunt può attivarsi soprattutto in coloro che hanno già avuto la varicella, perché il virus si riattiva a causa di diversi fattori. I principali sono:

  • indebolimento del sistema immunitario
  • forte stress fisico o psicologico

Sindrome di Ramsay Hunt, le cure

Generalmente questo tipo di patologia si cura con:

  • antivirali attivi, contro la replicazione del virus varicella-Zoster
  • corticosteroidi, che servono più che altro a ridurre il dolore, l’infiammazione e l’edema e far guarire le vescicole

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte:

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook