Sale, scoperto per la prima volta come agisce sui neuroni del tuo cervello

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una recente ricerca ha messo in evidenza come il consumo eccessivo di sale possa influenzare alcune aree profonde del nostro cervello

Una recente ricerca ha messo in evidenza come il consumo eccessivo di sale possa influenzare alcune aree profonde del nostro cervello

Uno studio unico nel suo genere rivela nuove sorprendenti informazioni sulla relazione tra l’attività dei neuroni e il flusso sanguigno nel cervello, nonché su come il cervello è influenzato dal consumo di sale.

Quando i neuroni vengono attivati, in genere producono un rapido aumento del flusso sanguigno. Questa relazione è nota come accoppiamento neurovascolare o iperemia funzionale e si verifica tramite la dilatazione dei vasi sanguigni nel cervello, chiamati arteriole.

Studi precedenti sull’accoppiamento neurovascolare sono stati limitati alle aree superficiali del cervello (come la corteccia cerebrale) e gli scienziati hanno principalmente esaminato come cambia il flusso sanguigno in risposta a stimoli sensoriali provenienti dall’ambiente (come stimoli visivi o uditivi). Poco si sa se gli stessi principi si applicano alle regioni cerebrali più profonde in sintonia con gli stimoli prodotti dal corpo stesso, noti come segnali interocettivi.

Per studiare questa relazione nelle regioni profonde del cervello, un team interdisciplinare di scienziati ha sviluppato un nuovo approccio che combina tecniche chirurgiche e neuroimaging all’avanguardia. Il team si è concentrato sull’ipotalamo, una regione cerebrale profonda coinvolta in funzioni corporee critiche, tra cui bere, mangiare, regolare la temperatura corporea e riprodurre.

Lo studio ha esaminato come il flusso sanguigno all’ipotalamo è cambiato in risposta all’assunzione di sale. Perché proprio il sale? Perché il corpo ha bisogno di controllare i livelli di sodio in modo molto preciso. Quando si mangia cibo salato, il cervello lo percepisce e attiva una serie di meccanismi compensatori per riportare i livelli di sodio verso il basso.

Il corpo lo fa in parte attivando i neuroni che innescano il rilascio di vasopressina, un ormone antidiuretico che svolge un ruolo chiave nel mantenere la corretta concentrazione di sale. Quando mangiamo molto sale, i nostri livelli di sodio rimangono elevati per lungo tempo. I risultati sollevano domande interessanti su come l’ipertensione possa influenzare il cervello; in più, si ritiene che il 50 e il 60% dell’ipertensione dipenda dal sale che mangiamo in eccesso. 

Se ingerisci cronicamente molto sale, infatti, avrai un’iperattivazione dei neuroni della vasopressina, questo meccanismo può quindi indurre un’eccessiva ipossia, che potrebbe portare a danni ai tessuti nel cervello. Attraverso questa ricerca si spera di utilizzare lo stesso approccio per studiare altre regioni e malattie del cervello, tra cui depressione, obesità e condizioni neurodegenerative.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Cell Reports

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook