Cannabis terapeutica: secondo una ricerca è 30 volte più efficace di un’aspirina

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo una ricerca la cannabis è 30 volte più efficace dell'aspirina e le sue molecole si possono usare per creare potenti antidolorifici naturali.

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

Si è già parlato delle proprietà antidolorifiche della marijuana ma fino ad ora non si era ancora scoperto in che modo la pianta creasse molecole antinfiammatorie, che stando ai ricercatori dell’Università di Guelph, sono 30 volte più potenti di una normale aspirina.

Questo significa che utilizzandola si potrebbe creare un trattamento di derivazione naturale per trattare i dolori, che non solo risulterebbe molto efficace, ma non comporterebbe il rischio di dipendenza da altri antidolorifici. Anche perché le molecole in questione, chiamate cannaflavina A e cannaflavina B, riescono a colpire l’infiammazione alla fonte e non sono psicoattive.

Sebbene le prime ricerche su queste molecole, note come flavonoidi, risalgano al lontano 1985, quando si scoprì che avevano effetti antinfiammatori molto più efficaci dell’aspirina, a causa dell’illegalità della cannabis, per molto tempo fu difficile portare avanti ulteriori studi in libertà.

Oggi però i ricercatori, complice la legalizzazione della sostanza in Canada e la ricerca avanzata sulla genomica, sono riusciti ad andare oltre, analizzando in uno studio pubblicato su Phytochemistry, come la cannabis sativa biosintetizza le molecole. Applicando tecniche avanzate di biochimica, sono riusciti a verificare quali geni di cannabis sono necessari per creare le cannaflavine A e B.

Grazie a questa scoperta sarà più facile sviluppare farmaci naturali più potenti dell’aspirina, evitando il rischio della dipendenza, dovuto all’utilizzo di oppioidi. Fra l’altro questi farmaci a base di molecole funzionerebbero in modo diverso da questi ultimi perché anziché bloccare i recettori del dolore del cervello, ridurrebbero l’infiammazione colpendola alla fonte. L’unico problema è che le cannaflavine A e B sono presenti nella cannabis in minima quantità, ed è quindi necessario riuscire a produrle in quantità maggiori.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook