Talassofobia, l’incontrollabile paura del mare e delle acque profonde: cos’è, cause e sintomi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se il mare ti suscita terrore anziché una sensazione di benessere, potrebbe trattarsi di talassofobia. Scopriamo cos'è, le cause, i sintomi.

Se per te andare al mare non è fonte di relax ma di puro terrore, e persino guardare delle immagini dell’oceano ti fa letteralmente rabbrividire, potrebbe trattarsi di talassofobia, ovvero della paura ossessiva e incontrollabile del mare. Che riguarda più in generale le acque profonde, incluse per esempio quelle di un lago. 

Perché è proprio la profondità dell’acqua a provocare terrore, in quanto strettamente connessa con la paura dell’ignoto, di lasciarsi andare e perdere il controllo. Si può manifestare quando ti trovi in prossimità del mare o di un lago, quando vai in spiaggia, quando viaggi in barca, e nei casi più gravi, spiega MedicalNewsToday, anche solo pensandoci. 

Talassofobia: cause

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Shropshire lass (@joannjones83)

Le cause della talassofobia possono essere diverse, sia dovute a traumi legati all’acqua (un’esperienza di scampato annegamento per esempio) che alla visione di eventi pericolosi avvenuti in mare. Cause di cui la persona che ne soffre non è sempre cosciente, soprattutto se risalgono alla prima infanzia, spiega MedicalNewsToday.

PsychCentral ne evidenzia ulteriori come cause genetiche e dinamiche familiari, facendo l’esempio di un bambino cresciuto da un genitore che ha molta paura del mare, e che percependone l’ansia, la manifesta a sua volta. 

Talassofobia: sintomi

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Clem (@clementmrn_)

Se quando vai al mare o ti avvicini a uno specchio d’acqua profondo provi tremori, vertigini, sudorazione eccessiva, nausea, ansia, palpitazioni, attacchi di panico eventualmente accompagnati da sensazione di svenimento, potrebbe trattarsi proprio di talassofobia. Questi sono infatti alcuni dei sintomi più frequenti. 

Talassofobia: come curarla

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da @20plus2

Se sospetti di soffrire di talassofobia, la cosa migliore da fare è affidarti a uno specialista in grado di consigliarti nel migliore dei modi e di valutare se è necessario un eventuale percorso terapeutico per superare la fobia.

Talassofobia e idrofobia: sono la stessa cosa?

Talassofobia

@123rf

La risposta è negativa. Talassofobia e idrofobia non sono sinonimi, pur trattandosi in entrambi i casi di fobie che hanno a che fare con l’acqua. Ma se la prima, come abbiamo visto, riguarda la paura ossessiva del mare e della sua profondità, l’idrofobia, spiega PsicologItaliani, – designa la paura dell’acqua o del nuoto -. Fobia abbastanza comune nella sua forma moderata, meno frequente nella forma patologica, riferita all’avversione all’acqua in sé, che sarebbe più corretto chiamare con il termine di acquafobia. 

FONTI: PsychCentral/MedicalNewsToday

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook