Stare a contatto con la natura è il miglior antidoto alla solitudine in città, lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Far fronte alla solitudine nelle nostre città affollate e caotiche può sembrare un'impresa impossibile, ma la natura può aiutarci

Far fronte alla solitudine nelle nostre città affollate e caotiche può sembrare un’impresa impossibile, ma la natura può aiutarci

La solitudine è uno dei mali più pericolosi della nostra società moderna. Acuita anche dalle restrizioni dovute alla pandemia – che hanno costretto moltissime persone a lavorare o studiare da casa, davanti a un PC, o a rinunciare alle visite a parenti ed amici – essa aumenterebbe il rischio di morte del 45% secondo gli scienziati. Insomma, una vera e propria “malattia” che miete più vittime dell’inquinamento, dell’obesità, dell’abuso di alcol. Cosa fare allora per provare a fermare questa piaga sociale?

Un team di ricercatori ha provato a stabilire una connessione fra la solitudine e l’ambiente, dimostrando come questo possa influenzare la nostra percezione dell’essere soli. I risultati della ricerca, raccolti attraverso un’applicazione per cellulare scaricata dai partecipanti, hanno dimostrato che paradossalmente sono sovraffollamento e confusione ad acuire il senso di solitudine (+39%).

Al contrario, quando le persone sono state in grado di stabilire un qualche contatto con la natura – guardando gli alberi, ascoltando il canto degli uccelli – la solitudine è diminuita (fino al 21% in meno). Ecco perché i ricercatori consigliano di aumentare il contatto con la natura anche nelle nostre città e nelle aree più urbanizzate: la presenza di angoli naturali all’interno delle città potrebbe ridurre la solitudine aumentando i sentimenti di attaccamento a un luogo o offrendo maggiori opportunità di socializzazione.

(Leggi anche: Contro la solitudine nascono in Polonia le panchine “happy to chat”, per fare due chiacchiere con persone sconosciute)

Anziché basarsi sui ricordi delle persone in merito alle loro percezioni e ai loro stati d’animo, i ricercatori hanno utilizzato l’app di ricerca Urban Mind per raccogliere dati di cittadini urbani provenienti da ogni parte del mondo, in una sorta di “diario delle emozioni” digitale: le persone sono state invitate varie volte al giorno (per un periodo di 15 giorni) a rispondere a semplici domande sulla solitudine, il sovraffollamento, l’inclusione sociale e il contatto con la natura. I partecipanti allo studio sono stati circa 750, e hanno fornito circa 16.000 valutazioni sul loro sentirsi i benvenuti all’interno della comunità, sulla loro possibilità di avere contatto con la natura e così via. Diciamo che il campione è di studio è piuttosto limitato e pertanto poco rappresentativo di ampie fasce di popolazione.

Questo studio ha provato ad indebolire l’immagine fortemente negativa che viene associata alle città – ovvero come luoghi di isolamento, di frenesia, dannosi per la nostra salute mentale: se da una parte tutto questo è vero, dall’altra esistono degli stratagemmi che possono rendere le città maggiormente inclusive e “a misura d’uomo” – primo fra tutti, quello di includere la natura nel paesaggio urbano per ridurre il senso di solitudine degli abitanti.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Scientific Reports

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook