Per la prima volta al mondo, le onde cerebrali di un uomo paralizzato sono state convertite in linguaggio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le onde cerebrali di un uomo paralizzato sono state convertite in linguaggio per la prima volta al mondo con un dispositivo neuroprotesico

Le onde cerebrali di un uomo paralizzato sono state convertite in linguaggio per la prima volta al mondo. Accende molte speranze il dispositivo neuroprotesico che ha tradotto con successo le onde cerebrali di un uomo paralizzato in frasi complete, secondo un articolo scientifico appena pubblicato sul New England Journal of Medicine dai ricercatori dell’Università della California San Francisco.

“Si tratta di un’importante pietra miliare tecnologica per una persona che non può comunicare in modo naturale”, ha affermato David Mose uno degli autori principali dello studio. Dimostra il potenziale di questo approccio per dare voce alle persone con grave paralisi e perdita del linguaggio”.

A poter comunicare per la prima volta è stato un uomo di 36 anni, che ha avuto un ictus a 20 anni. Questo lo aveva lasciato con anartria, l’incapacità di parlare in modo intelligibile, sebbene la sua funzione cognitiva fosse rimasta intatta.

Ogni anno migliaia di persone perdono la capacità di parlare a causa di ictus, incidenti o malattie. Questa notizia dona speranza a tutti loro.

Fonte: New England Journal of Medicine UCSF

Leggi anche:

Sindrome locked-in: ecco il casco che leggerà il pensiero di chi non riesce a parlare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook