L’illusione ottica che consente di vedere sullo schermo il vero blu ciano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il vero blu ciano si può vedere nella realtà ma difficilmente su monitor, fatta eccezione per questa illusione ottica.

La ricetta del porridge senza cottura

Sul web impazza un’illusione ottica grazie alla quale i nostri occhi sarebbero in grado di percepire il vero ciano. Colore primario sottrattivo che possiamo vedere nella realtà, ma che telefoni, tv e monitor di computer difficilmente riescono a mostrare nella sua forma pura. E che nella codifica RGB, si ottiene combinando blu e verde.

L’illusione ottica è diventata virale dopo essere stata pubblicata su TikTok da Kate Bacon.

@kbacon

You’ve probably never seen this color before… #womeninstem #voiceacting #science

♬ Blade Runner 2049 – Synthwave Goose

Ma come funziona? Bisogna fissare il punto bianco posizionato al centro del cerchio rosso per tutta la durata di un brano musicale. Seguendo le istruzioni alla lettera, dovreste visualizzare alla fine una sfera blu luminosa corrispondente al vero ciano. 

L’immagine residua sarebbe il risultato dell’attività residua delle cellule nervose nella parte posteriore dell’occhio, come spiega IFL Science, affermando che “la maggior parte degli esseri umani percepisce il colore attraverso tre tipi di cellule coniche nella retina, ognuna delle quali risponde a diverse lunghezze d’onda della luce. Se fissi un colore brillante (il rosso, per esempio) per un po’ di tempo, i coni responsabili della raccolta del rosso finiranno per diventare sovrastimolati, impoveriti e desensibilizzati. Quando distogli lo sguardo, le cellule dei coni meno esaurite rimangono “completamente cariche” e compensano eccessivamente la cellula dei coni esaurita, determinando la percezione di un’immagine con colori invertiti rispetto all’originale.”

A proposito del fenomeno delle “immagini residue”, Ajay Kuriyan, oculista presso l’Università di Rochester Medical Center, ha dichiarato a IFL Scienze:

“Se fissi un colore per un po’, i coni che rispondono a quel colore diventano refrattari per un breve periodo di tempo in modo che gli altri coni colorati vengano stimolati. Questo è il principio che guida l’immagine residua.”

Non vi resta che provare!

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook