Olio extravergine, come conservarlo correttamente? Gli errori che devi assolutamente evitare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’olio extravergine di oliva è il simbolo della ‘dieta mediterranea’ e un prezioso alleato per la nostra salute a tavola. Ma lo conserviamo correttamente? L’Unione Nazionale Consumatori spiega come preservare al meglio le proprietà di questo alimento.

Si dice ‘dieta mediterranea’ e si pensa subito all’olio EVO, immancabile sulle tavole degli italiani e alleato prezioso per preservare la nostra salute. A crudo sulle verdure, come base per soffritti e rosolature, ma anche a completamento di un sugo o di un pesto sulla pasta – gli usi di questo alimento sono infiniti, come le sue proprietà. Purtroppo però, l’olio d’oliva è un prodotto molto delicato, e una sua scorretta conservazione ne altera le proprietà e ne pregiudica i benefici.

Per aiutare i consumatori a conservare correttamente l’olio Evo, l’Unione Nazionale Consumatori e l’Associazione Italiana dell’Industria Olearia hanno realizzato un breve video – diffuso sui social – con le principali regole per la corretta conservazione dell’alimento, e pubblicato la guida Olio extra vergine d’oliva. Un tesoro da preservare. Non si tratta di un’iniziativa recente, ma di un progetto nato già nel 2018 con l’obiettivo di avvicinare i consumatori ad un uso corretto e consapevole dell’alimento simbolo della Dieta Mediterranea. La conservazione del prodotto parte dalle fasi di produzione in oleificio e attraversa varie fasi – dall’imbottigliamento al trasporto allo stoccaggio nei magazzini e poi nei negozi – e si conclude nelle case dei consumatori, coinvolgendo diversi attori.

Siamo tutti responsabili della qualità del nostro extra vergine – afferma Anna Cane, presidente del Gruppo olio d’oliva di ASSITOL. – Tutti i diversi momenti di questa catena sono egualmente importanti per garantire l’integrità dell’olio, che è un prodotto vivo e, come tale, va gestito con grande attenzione”. 

Calore e umidità sono i primi fattori che pregiudicano la buona qualità dell’olio, ma anche colpi d’aria e sbalzi termici hanno un effetto negativo. Ecco perché UNC invita fornitori e negozianti a prestare particolare attenzione alle modalità di conservazione delle bottiglie: uno stoccaggio improprio a diretto contatto coi raggi del sole, fuori al negozio, fa perdere all’olio le sue caratteristiche organolettiche. Ma anche a casa bisogna essere accorti: molto spesso basta una piccola distrazione, come dimenticare la bottiglia dell’olio aperta o in prossimità dei fornelli accesi sul piano cottura, per far sì che il liquido dorato si comprometta irrimediabilmente.

(Leggi: La dieta mediterranea può prevenire la perdita di memoria e la demenza. Lo studio)

Oggi i consumatori sono ancora più sensibili ai temi dell’alimentazione e della salute -afferma Massimiliano Dona, presidente di Unione Nazionale Consumatori. – Non basta però dare le corrette informazioni sulle proprietà dell’olio e le caratteristiche di un prodotto di qualità, ma sono necessarie alcune accortezze anche per la conservazione: per questo motivo l’Unione Nazionale Consumatori ci mette la faccia, con questo video che ci auguriamo sensibilizzi anche i più giovani sull’importanza di custodire adeguatamente questo prodotto. Il nemico da sconfiggere sono le fake news, alimentate dal web che fanno male ai consumatori e alla stessa industria olearia!”.

Il 2020 – complice anche il lockdown dovuto alla pandemia Covid – è stato un anno di maggiore consapevolezza e presa di coscienza da parte degli italiani sull’importanza del cibo di qualità e della sana alimentazione. In questo contesto di ricerca di materie prime sane e più genuine si innesta anche un incremento delle vendite di olio EVO, che nello scorso anno sono aumentate del 6%. Ecco perché è importante anche capire bene come conservare questo prodotto così benefico per la nostra alimentazione.

Fonte: ASSITOL

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook