I migliori yogurt bio: la classifica del Gambero Rosso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La classifica del Gambero Rosso dà grande attenzione ai prodotti che maggiormente rappresentano l’identità del territorio

Ecco il carrello smart per la spesa

Il Gambero Rosso ha reso nota una classifica dei migliori yogurt prodotti e venduti nel nostro Paese, con grande attenzione a quelli che maggiormente rappresentano l’identità del territorio

Il rientro “nei ranghi” dopo gli eccessi, anche culinari, a cui ci siamo lasciati andare nelle feste natalizie porta con sé il desiderio di rimettersi in forma, che passa anche attraverso un’alimentazione più sana e consapevole. In questo contesto ben si innesta lo yogurt, un alimento sano e nutriente, ricco di fermenti lattici vivi che aiutano il buon funzionamento dell’intestino e caratterizzato da una naturale dolcezza che lo rende alimento ottimo da consumare a colazione o per una sana merenda (e non solo). Ma, quando ci troviamo al banco frigo del nostro supermercato quale yogurt dovremmo scegliere?

Per rispondere a questa domanda e provare a fugare i dubbi dei consumatori più esigenti, il Gambero Rosso ha creato una vera e propria “guida” con i migliori yogurt prodotti e venduti nel nostro Paese – alcuni commercializzati dai grandi brand della produzione di massa, altri invece provenienti da piccoli allevamenti e, quindi, a tiratura locale. I critici gastronomici hanno assaggiato alla cieca 40 marchi di yogurt diversi: 28 dei prodotti assaggiati sono risultati di ottima qualità e vengono pertanto consigliati.  Fra questi, molti sono gli yogurt biologici, altri provengono da una filiera chiusa o da aziende che allevano i bovini mostrando grande attenzione al loro benessere; nella lista compaiono inoltre yogurt da latti nobili, ottenuti cioè mungendo mucche tenute libere di pascolare e alimentate con fieno ed erba fresca (come si faceva una volta).

(Leggi anche: Yogurt greco: tutti i benefici che non ti aspetti concentrati in un vasetto)

I migliori marchi bio

Fattoria Zoff – Yogurt bio. Questo yogurt viene prodotto da una piccola azienda agricola bio che si trova in provincia di Gorizia con il latte proveniente da vacche pezzata rossa italiana, tenute al pascolo turnato per 8 mesi durante la bella stagione, il resto dell’anno in stabulazione libera con menu a base di fieno, orzo e crusca, senza mais, soia e insilati. Molto compatto e denso in bocca, presenta un bel colorito bianco e al naso si mostra con un’acidità briosa e interessante unita a una calda dolcezza lattica.

Le Bio Bontà di Varese Ligure – Yogurt biologico. Si tratta di un prodotto ottenuto da latte biologico italiano proveniente da vacche allevate in stabulazione libera e al pascolo in parte dell’anno, tirate su a fieno, erba fresca e insilati. Molto piacevole al gusto (grazie all’ottima materia prima), con una consistenza omogenea, vellutata e molto cremosa; al naso e al palato un bell’incontro di acidità e dolcezza decise ma ben armonizzate tra loro.

Casale Nibbi – Yogurt di fattoria biologico. La materia prima di questo yogurt proviene da vacche allevate in stabulazione libera e da luglio a ottobre al pascolo, alimentate con foraggi multiflora aziendali integrati da cereali. Il prodotto finito si presenta di colore bianco virato al giallo paglierino, con struttura vellutata e non stoppo densa, e note lattiche acidule ben integrate a una naturale dolcezza, con richiami vegetali e animali.

Fattoria Scaldasole – Yogurt biologico. Un prodotto, questo, molto famoso e facilmente reperibile anche nei supermercati – ma non per questo motivo di scarsa qualità. La materia prima proviene da vacche alimentate a fieno, insilati di erba e concentrati, da aprile a novembre integrati con erba fresca. Lo yogurt ha un gusto fresco, un colore niveo e una consistenza densa, compatta, omogenea. Profumo, gusto e aromi caratteristici, benché delicati, con la classica acidità, la dolcezza, la freschezza e la precisione delle sensazioni giocate sulle note di latte appena munto.

Latteria Vipiteno – Yogurt bio latte fieno. Anche in questo caso si tratta di un prodotto famoso a livello nazionale e in vendita in tutti i supermercati. La materia prima proviene da piccole aziende agricole attente al benessere animale e viene lavorata sul posto. I punti di forza di questo yogurt sono la freschezza, la costanza qualitativa e la texture esemplare, omogenea, compatta, morbida e vellutata.

Vivi Verde Coop – Yogurt biologico (da latte fieno STG). Si tratta di una linea produttiva che raggruppa molti alimenti biologici nati da produzioni che rispettano gli animali e l’ambiente. In particolare, questo yogurt è ottenuto da latte di vacche alimentate per almeno il 75% con erba fresca, fiori di campo e fieno essiccato naturalmente: il colore è bianco avorio, la struttura omogenea e morbida e con una adeguata componente grassa. La grandissima diffusione sul territorio nazionale e il prezzo non eccessivo lo rendono un prodotto accessibile a tutti.

Cascine Orsine – Yogurt biologico. Questa azienda agricola, nata negli anni ’70, è una realtà pionieristica del bio nel nostro Paese e i suoi prodotti si trovano abbastanza facilmente su tutto il territorio nazionale, anche nelle grandi catene di supermercati. Lo yogurt si presenta con una struttura molto densa e compatta, omogenea e vellutata; il sapore fresco e accompagnato da note acidule e sentori fruttati.

Biomu I Tesori della Terra – Yogurt biologico (da latte fieno STG). Lo yogurt, confezionato in vasetto di vetro, è figlio di una produzione circolare: latte e foraggi (freschi ed essiccati) sono prodotti dai soci della cooperativa, situati nel raggio di 50 chilometri dal caseificio. Il prodotto finito presenta una struttura molto fluida e un sapore particolarmente delicato, molto fresco, immediato e setoso.

Fattoria Antica Rendena – Yogo Natura tutto bio. La materia prima per la produzione di questo yogurt deriva da vacche allevate in maniera tradizionale: stabulazione fissa, pascolo quando il tempo lo consente, alpeggio nei tre mesi estivi alla malga Bregn de l’ors, menu a base di erba fresca e fieno. Il prodotto finito è piacevole per la sua semplicità: la consistenza è fluida e molto morbida; profumi e aromi lattici con richiami vegetali secchi (fieno), bocca delicata e poco complessa ma tipica e fresca, con la classica leggera acidità e una sua persistenza.

Fattoria Lucciano – Yogurt bio. Anche in questo caso le vacche vengono nutrite in modo naturale con erba fresca, fieno, siero di latte aziendale, crusca e cereali, pascolando fino a otto ore al giorno. Lo yogurt che ne deriva presenta una massa densa e compatta, di un bel colorito bianco avorio; le sensazioni al naso e al palato sono molto delicate giocate sulle note lattiche e acidule, confortate da una lieve dolcezza.

Poggio di Camporbiano – Yogurt bio. Il latte usato per questo yogurt è ottenuto da vacche tenute in stabulazione libera e pascolo per 8-9 mesi l’anno, alimentate con erba fresca e fieno integrati da orzo, legumi e crusca, niente insilati, mangimi e antibiotici. Il prodotto finale si presenta con un colore giallino e una consistenza densa e compatta al punto giusto; al palato l’acidità e i ritorni olfattivi incontrano una leggerissima sfumatura acetica.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Gambero Rosso

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook