Integratori di curcuma: oltre il 40% riporta informazioni non corrette in etichetta, secondo un nuovo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo un nuovo studio, oltre il 40% degli integratori di curcumina acquistati in Francia non riportano tutte le informazioni corrette in etichetta

Un rapporto, pubblicato sul Journal of Pharmaceutical and Biomedical Analysis, evidenzia come in molti casi vi sia un problema di controllo qualità degli integratori a base di curcuma o meglio del suo principale principio attivo, la curcumina.

Analizzando la qualità di 30 integratori alimentari, acquistati in negozi francesi o online, i ricercatori dell’Université Paul Sabatier di Tolosa hanno infatti scoperto che più del 40% di questi prodotti non riportava informazioni corrette in etichetta.

Più nello specifico, le etichette non erano né complete né del tutto chiare per i consumatori. Indubbiamente la cosa più grave evidenziata è che la qualità effettiva dei principi attivi presenti nell’integratore non sempre corrispondeva a quanto promesso dal prodotto.

I ricercatori francesi, che hanno analizzato gli integratori insieme a 5 rizomi di curcuma, hanno scoperto che solo il 58% dei prodotti venduti in negozi e online assicuravano il quantitativo di principi attivi (curcuminoidi e piperina) riportato in etichetta.

integratori curcuma studio etichette

@Journal of Pharmaceutical and Biomedical Analysis

Gli autori a proposito del loro studio hanno dichiarato:

Un’indagine preliminare con la cromatografia liquida ad altissime prestazioni accoppiata al rilevamento della spettrometria di massa ad alta risoluzione ha rivelato una grande disparità nella loro composizione chimica che è stata confermata da un’analisi qualitativa e quantitativa più approfondita.

Hanno inoltre aggiunto che quando in etichetta è indicata solo una quantità di curcumina, non è possibile per il consumatore capire a cosa corrisponda, se  alla curcumina da sola o alla demetossicurcumina (DMC) e alla bisdemetossicurcumina (BDMC), congeneri naturali della curcumina. ​

Inoltre gli integratori non specificano mai le quantità di turmeroni, sostanze che hanno molte proprietà farmacologiche e che influenzano l’assorbimento della curcumina.

Questo studio fa riferimento agli integratori presenti sul mercato francese, non sappiamo dunque se la situazione è uguale anche per quelli venduti nel nostro Paese.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Journal of Pharmaceutical and Biomedical Analysis

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook