Cozze contaminate: attenzione, non vanno consumate nemmeno cotte

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le cozze oggetto del richiamo possono causare diarrea, dolori addominali, nausea e vomito dopo trenta minuti dall'ingestione.

Non conservare così l'avocado: è pericoloso

Il Ministero della Salute ha disposto il richiamo di un lotto di cozze o mitili (Mytilus galloprovincialis) prodotte e confezionate dalla  Società Agricola Angelo Mancin. Il lotto oggetto del ritiro corrisponde ai mitili raccolti in data 16 agosto 2021, commercializzato in confezioni da cinque chili. 

La decisione è stata presa per la presenza di biotossine marine presenti nei mitili oltre i limiti di legge. L’intossicazione da biotossine marine D.S.P. causa Sindrome Diarroica da molluschi bivalvi  e  può presentarsi poco dopo l’ingestione con sintomi che includono diarrea, dolori addominali, nausea e vomito.

Poiché tali tossine possono resistere anche ad alte temperature, la cottura non è sufficiente a inattivarle, dunque il prodotto non deve essere consumato nemmeno cotto.

Richiamo cozze

Ministero della Salute

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte di riferimento: Ministero della Salute

Leggi anche:

  •  
  •  
  •  
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook