Automobili sulle piste ciclabili: un premio in denaro a chi denuncia i parcheggi abusivi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ciclisti stufi della loro pista invasa dalle auto parcheggiate possono ora denunciare gli automobilisti incivili attraverso un'app e ricevere per questo un premio in denaro

Chi ama spostarsi in bicicletta e ha la fortuna di vivere in una città dotata di pista ciclabile si sarà trovato spesso in questa spiacevole situazione: la corsia riservata al passaggio delle bici invasa da auto o moto parcheggiate in maniera abusiva.

Per provare ad arginare questa piaga di inciviltà e al tempo stesso promuovere la mobilità sostenibile nasce il Bike Blockage Program, un sistema virtuoso che permette ai ciclisti di fotografare le targhe dei veicoli parcheggiati sulle piste ciclabili e di denunciarne la sosta illegale, affinché i proprietari vengano multati.

Accade a Austin, in Texas, dove l’amministrazione cittadina ha preso a cuore la questione e sta cercando di risolverla. Come incentivo alla denuncia, i ciclisti ricevono un premio in denaro corrispondente al 25% della sanzione pagata dall’automobilista incivile.

Tutto quello che bisogna fare e scaricare sul proprio cellulare l’applicazione 311, attraverso la quale scattare le foto alle auto parcheggiate e inviare così una segnalazione di denuncia. Inoltre, in giro per Austin sono già attivi volontari in bicicletta addestrati dalla polizia e nelle condizioni di multare personalmente (e non solo di segnalare) gli automobilisti trasgressori del divieto.

In un’intervista rilasciata al giornale locale Austin Monitor, il presidente della Commissione per i trasporti urbani Mario Champion ha espresso tutto il suo sdegno: la città spende milioni di dollari per costruire e manutenere le piste ciclabili, perché poi si permette alle auto di invaderle e renderle inutilizzabili?

Oltre all’uso dell’applicazione affidato ai ciclisti, che diventeranno vedette delle piste ciclabili, il comune prevede di installare più cartelli indicanti il divieto di sosta all’interno del percorso riservato alle bici, come misura informativa dell’illegalità dell’azione.

Il programma texano trae la sua ispirazione da un’iniziativa simile già attiva a New York, che prevede una ricompensa in denaro per i cittadini che denunciano la presenza di veicoli commerciali fermi troppo a lungo con il motore acceso.

In questo caso, per partecipare al programma, i cittadini devono girare un video in cui si mostra il veicolo con il motore acceso a vuoto per più di tre minuti (contribuendo così al peggioramento della qualità dell’aria) per ricevere la ricompensa – anche in questo caso pari al 25% della sanzione imposta al trasgressore (ben 350 dollari).

La notizia ha fatto presto il giro del web, incontrando il favore di molti ciclisti stufi di vedere la corsia a loro riservata sempre invasa dai veicoli in sosta. C’è anche chi spera nell’adozione di una tale misura anche nel proprio comune, convinto di riuscire a racimolare un bel gruzzoletto grazie a tutte le denunce che potrebbero essere fatte.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Austin Texas Government

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono una giornalista e una blogger. Collaboro con le testate GreenMe, Ambiente Magazine e The Wise Magazine e mi occupo di natura, sostenibilità, stili di vita sani e rispettosi dell’ambiente. Sul mio blog “La strega che scrive” parlo di giornalismo, editoria e letteratura

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook