Come eliminare i punti ciechi durante la guida in auto? La soluzione di una 14enne a cui nessuno aveva mai pensato prima

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ragazza di 14 anni inventa sistema per eliminare i punti ciechi durante la guida, a cui nessuna azienda aveva mai pensato prima.

Chiunque abbia la patente sa che in auto è impossibile avere una visibilità completa perché esistono sempre degli insidiosi punti ciechi che rendono la guida potenzialmente pericolosa. Una ragazzina della Pennsylvania, Alaina Gassler, ha però trovato una soluzione semplice e nemmeno troppo costosa, a cui tante aziende del settore non avevano mai pensato, che permette di visualizzare tutto ciò che potrebbe bloccare la visuale del conducente.

Dal momento che non è possibile rimuovere i montanti che reggono il tetto dell’automobile, Alaina ha pensato di collocare una webcam sul tetto della vettura, esattamente sopra al montante. In questo modo la telecamera può riprendere i punti ciechi che di solito rimangono invisibili al guidatore mentre un proiettore riproduce le riprese in tempo reale.

Affinché il tutto funzioni perfettamente, Alaina ha progettato da sola e stampato in 3D alcuni componenti, mentre i restanti materiali sono tutti di facile reperimento nei negozi di elettronica. Inoltre ha consigliato l’utilizzo di un tessuto riflettente per rendere l’immagine proiettata più chiara e brillante.

Inutile dire che l’idea non è passata inosservata e ha fatto guadagnare alla quattordicenne il primo premio alla Broadcom Masters Competition per gli studenti delle medie, pari a 25.000 dollari, vittoria annunciata da Broadcom Foundation e Society for Science & the Public.

Maya Ajmera, Presidente e CEO della Society for Science & The Public ed Publisher of Science News, si è congratulata con Alaina:

“Congratulazioni ad Alaina, il cui progetto ha il potenziale per ridurre il numero di incidenti automobilistici riducendo i punti ciechi. Con così tante sfide nel nostro mondo, Alaina e i suoi colleghi finalisti di Broadcom MASTERS mi rendono ottimista. Sono orgogliosa di guidare un’organizzazione che sta ispirando così tanti giovani, in particolare le ragazze, a continuare a innovare.”

E noi ci uniamo ai complimenti perché Alaina ha risolto con un’idea semplice e brillante un problema a cui nessuno aveva ancora trovato una soluzione efficace. Brava!

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: Facebook

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook